Musica Italiana

Palomma 'e notte

( Canta: Peppino Di Capri )
( Autori: Di Giacomo - Buongiovanni - 1906 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Tiene a mente 'sta palomma,
comme gira, comm'avota,
comme torna n'ata vota
stu ceròggeno a tentá.

Palummè', chist'è nu lume,
nun è rosa o giesummino,
e tu, a forza ccá vicino
te vuó' mettere a vulá.

Vatténn''a lloco!
Vatténne, pazzarella.
Va' palummella e torna,
e torna a st'aria accussí fresca e bella.

'O bbi' ca i' pure
mm'abbaglio chianu chiano,
e che mm'abbrucio 'a mano
pe' te ne vulé cacciá.

Carulí', pe' nu capriccio
tu vuó' fá scuntento a n'ato,
e po' quanno ll'hê lassato,
tu, addu n'ato vuó' vulá.

Troppi core staje strignenno
cu sti mmane piccerelle,
ma fernisce ca sti scelle
pure tu te puó' abbruciá.

Vatténn''a lloco!
Vatténne, pazzarella.
Va', palummella e torna,
e torna a st'aria accussí fresca e bella.

'O bbi' ca i' pure
mm'abbaglio chianu chiano,
e che mm'abbrucio 'a mano
pe' te ne vulé cacciá.

Torna, va', palomma 'e notte,
dint'a ll'ombra addó' si' nata.
Torna a st'aria 'mbarzamata
ca te sape cunzulá.

Dint''o scuro e pe' me sulo
'sta cannela arde e se struje,
ma ch'ardesse a tutt'e duje
nun 'o ppòzzo suppurtá.

Vatténn''a lloco!
Vatténne, pazzarella.
Va', palummella e torna,
e torna a st'aria accussí fresca e bella.

'O bbi' ca i' pure
mm'abbaglio chianu chiano,
e che mm'abbrucio 'a mano
pe' te ne vulé cacciá.


Osserva bene questa farfalla,
come gira, come si allontana,
come torna un'altra volta
a tentare questa candela.

Farfallina, questo è un lume,
non è rosa o gelsomino,
e tu, proprio qui vicino
ti vuoi mettere a volare.

Vai via!
Vai via, pazzerella.
Vai  farfallina e torna,
e torna a quest'aria così fresca e bella.

Vedi che anch'io
mi abbaglio piano piano,
e mi brucio la mano
per volerti allontanare.

Carolina, per un capriccio
tu vuoi fare infelice un altro,
e poi quando l'hai lasciato,
tu, da un altro vuoi volare.

Troppi cuori stai stringendo
con queste mani piccoline,
ma va a finire que queste ali
anche tu ti puoi bruciare.

Vai via!
Vai via, pazzerella.
Vai  farfallina e torna,
e torna a quest'aria così fresca e bella.

Vedi che anch'io
mi inganno ogni tanto,
e mi brucio la mano
per volerti allontanare.

Torna, vai, farfalla della notte,
nell'ombra dove sei nata.
Torna a quest'aria imbalsamata
che ti sa consolare.

Al buio e per me solo
questa candela arde e si strugge,
ma che ardesse per noi due
non lo posso sopportare.

Vai via!
Vai via, pazzerella.
Vai  farfallina e torna,
e torna a quest'aria così fresca e bella.

Vedi che anch'io
mi abbaglio piano piano,
e mi brucio la mano
per volerti allontanare.