Musica Italiana

'O Sole mio

( Canta: Il Tenore Luciano Pavarotti )
( Autori: G. Capurro - E. Di Capua - 1898 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Che bella cosa na jurnata 'e sole,
n'aria serena doppo na tempesta.
Pe' ll'aria fresca pare giá na festa,
che bella cosa na jurnata 'e sole.

Ma n'atu sole
cchiù bello, oje né,
'o sole mio,
sta 'nfronte a te.
'O sole,
'o sole mio,
sta 'nfronte a te,
sta 'nfronte a te.


Quanno fa notte e 'o sole se ne scenne,
mme vène quase na malincunia.
Sott''a fenesta toja restarría,
quanno fa notte e 'o sole se ne scenne.

Ma n'atu sole
cchiù bello, oje né,
'o sole mio,
sta 'nfronte a te...
'O sole,
'o sole mio,
sta 'nfronte a te,
sta 'nfronte a te.



Che bella cosa una giornata al sole,
una aria serena dopo una tempesta.
Per l'aria fresca pare giá una festa,
che bella cosa una giornata al sole.

Ma un altro sole
più bello, oi mia cara,
il sole mio,
sta in fronte a te.
Il sole,
il sole mio,
sta in fronte a te,
sta in fronte a te.


Quando fa notte e il sole se ne scende,
mi viene quasi una malinconia.
Sotto la tua finestra resterei,
quando fa notte e il sole se ne scende.

Ma un altro sole
più bello, oi mia cara,
il sole mio,
sta in fronte a te.
Il sole,
il sole mio,
sta in fronte a te,
sta in fronte a te.