Musica Italiana

I te vurria vasà

( Canta: Peppino Di Capri )
( Autori: V. Russo - Di Capua - 1900 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Eh! Che bell'aria fresca,
ch'addore 'e malva rosa,
e tu durmenno staje
'ncopp'a sti ffronne 'e rosa!

'O sole, a poco a poco,
dint' 'o ciardino scenne,
e 'o viento passa e vasa
stu ricciulillo 'nfronte!

I' te vurría vasá.
I' te vurría vasá
ma 'o core nun mm''o ddice
'e te scetá,
'e te scetá!

I' mme vurría addurmí.
I' mme vurría addurmí
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i',
n'ora pur'i'!

I' te vurría vasá.
I' te vurría vasá.

I' mme vurría addurmí.
I' mme vurría addurmí
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i',
n'ora pur'i'!


Ah! Che bell'aria fresca,
che odore di malva rosa,
e tu dormendo stai
sopra queste foglie di rosa!

Il sole, a poco a poco,
dentro il giardino scende,
e il vento passa e bacia
questo ricciolo sulla fronte!

Io vorrei baciarti.
Io vorrei baciarti
ma il cuore non mi dice
di svegliarti,
di svegliarti!

Io vorrei addormentarmi.
Io vorrei addormentarmi
vicino al fiato tuo,
un'ora anch' io,
un'ora anch' io!

Io vorrei baciarti.
Io vorrei baciarti.

Io vorrei addormentarmi.
Io vorrei addormentarmi
vicino al fiato tuo,
un'ora anch' io,
un'ora anch' io!