Musica Italiana

El can de Trieste

( Canta: Lelio Luttazzi )
( Autore: Lelio Luttazzi - 1968 )

Originale in dialetto triestino In italiano corrente

Xe tanti ani ormai
che son lontan de ti
vecia Trieste mia.
Son restá solo e
gavevo voia de,
voia de compagnia.

Alora Trevisan
me ga mandà un bel can
nato in un'ostaria.
Però quel fiol de un can,
quel fiol de un can, de un can,
el iera sempre triste.

No'l me fazeva mai le feste
gnanca a mi che son el suo paron.
Alora go mandà una cartolina,
una cartolina de protesta.
Alora el mulo Trevisan me ga risposto,
el me ga spiegà perchè.

Solo davanti a un fiasco de vin
quel fiol de un can fa le feste,
perchè 'l xe un can de Trieste,
perchè 'l xe un can de Trieste.

Davanti a un fiasco de vin
quel fiol de un can fa le feste,
perchè 'l xe un can de Trieste
e ghe piasi el vin!

Da qualche mese in qua
a bever go impará,
come un fachin del porto.
E in sta maniera so
che un giorno sentirò
la mia campana a morto.

Ma chi se ne....pardon!
Che i fazi pur din-don
se morirò contento.
Perchè quel fiol de un can,
quel fiol de un can, de un can,
el xe cusì beato.

Adesso el me lecca come un mato
perchè spuzo sempre più de vin.
E so che 'l me vol ben, che go un amico
per la prima volta in vita mia.
E mi me basta un ano de sta bela vita
e po' sarà quel che sarà.

Solo davanti a un fiasco de vin
quel fiol de un can fa le feste,
perchè 'l xe un can de Trieste,
perchè 'l xe un can de Trieste.

Davanti a un fiasco de vin
quel fiol de un can fa le feste,
perchè 'l xe un can de Trieste
e ghe piasi el vin!

Perchè 'l xe un can de Trieste
e ghe piasi el vin. Si!
E ghe piasi el vin. Si!
E ghe piasi el vin. Si!

Viva là e po', bon!
Viva là e po', bon!


Sono tanti anni ormai
che sono lontano da te
vecchia Trieste mia.
Sono rimasto solo e
avevo voglia di,
voglia di compagnia.

Allora Trevisan
mi ha mandato un bel cane
nato in una osteria.
Però quel figlio di un cane,
quel figlio di un cane, di un cane,
era sempre triste.

Non mi faceva mai le feste
neanche a me che sono il suo padrone.
Allora ho mandato una cartolina,
una cartolina di protesta.
Allora l'amico Trevisan mi ha risposto,
e mi ha spiegato perchè.

Solo davanti a un fiasco di vino
quel figlio di un cane fa le feste,
perchè è un cane di Trieste,
perchè è un cane di Trieste.

Davanti a un fiasco di vino
quel figlio di un cane fa le feste,
perchè è un cane di Trieste
e gli piace il vino!

Da qualche mese in quà
a bere ho imparato,
come un facchino del porto.
E in questa maniera so
che un giorno sentirò
la mia campana a morto.

Ma chi se ne....scusate!
Che facciano pure din-don
se morirò contento.
Perchè quel figlio di un cane,
quel figlio di un cane, di un cane,
è così beato.

Adesso mi lecca come un matto
perchè puzzo sempre più di vino.
E so che lui mi vuol bene, che ho un amico
per la prima volta in vita mia.
E a me basta un anno di questa bella vita
e poi sarà quel che sarà.

Solo davanti a un fiasco di vino
quel figlio di un cane fa le feste,
perchè è un cane di Trieste,
perchè è un cane di Trieste.

Davanti a un fiasco di vino
quel figlio di un cane fa le feste,
perchè è un cane di Trieste
e gli piace il vino!

Perchè è un cane di Trieste
e gli piace il vino. Si!
E gli piace il vino. Si!
E gli piace il vino. Si!

Viva là e poi bene!
Viva là e poi bene!