Musica Italiana

ChellallÓ

( Canta: Roberto Murolo )
( Autori: Di Paola - Taccani - Bertini - 1955 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

St'ammore mme teneva 'ncatenato,
ma ho detto: "Basta!" e mme sˇ liberato.
Mme pare cchi¨ turchino 'o cielo
mme pare cchi¨ lucente 'o sole
e 'o core canta p''a felicitß.

ChellallÓ, chellallÓ
mo va dicenno c'a me vo'lassÓ.
Se crede ca'me faccio o sangue amaro
se crede c'a'mpazzisco
e po'me sparo.

ChellallÓ, chellallÓ
nun sape che piacere ca'me fa.
Me ne piglio un'ata cchi¨ bella
e zetella resterÓ
chellallÓ, chellallÓ, chellallÓ.

Ajere mm'ha mannato nu biglietto
p''a figlia d''o purtiere dirimpetto.
Mme scrive ca nun Ŕ felice
e ca vurrÝa cu me fß pace
ma io mme stˇ' gustanno 'a libbertß.

ChellallÓ, chellallÓ
mo va dicenno c'a me vo'lassÓ.
Se crede ca'me faccio o sangue amaro
se crede c'a'mpazzisco
e po'me sparo.

ChellallÓ, chellallÓ
nun sape che piacere ca'me fa.
Me ne piglio un'ata cchi¨ bella
e zetella resterÓ
chellallÓ, chellallÓ, chellallÓ.

ChellallÓ, chellallÓ
nun sape che piacere ca'me fa.
Me ne piglio un'ata cchi¨ bella
e zetella resterÓ
chellallÓ, chellallÓ, chellallÓ.


Questo amore mi teneva incatenato,
ma ho detto: "Basta!" e mi sono liberato.
Mi pare pi¨ turchino il cielo
mi pare pi¨ lucente il sole
e il cuore canta per la felicitß.

Quella lÓ, quella lÓ
adesso va dicendo che mi vuol lasciare.
Si crede che mi faccio il sangue amaro
si crede che impazzisco
e poi mi sparo.

Quella lÓ, quella lÓ
non sa il piacere che mi fa.
Me ne prendo un'altra pi¨ bella
e zitella resterÓ
quella lÓ, quella lÓ, quella lÓ.

Ieri mi ha mandato un biglietto
dalla figlia del portiere dirimpetto.
Mi scrive che non Ŕ felice
e che vorrebbe con me fare pace
ma io mi sto gustando la libertß.

Quella lÓ, quella lÓ
adesso va dicendo che mi vuol lasciare.
Si crede che mi faccio il sangue amaro
si crede che impazzisco
e poi mi sparo.

Quella lÓ, quella lÓ
non sa il piacere che mi fa.
Me ne prendo un'altra pi¨ bella
e zitella resterÓ
quella lÓ, quella lÓ, quella lÓ.

Quella lÓ, quella lÓ
non sa il piacere che mi fa.
Me ne prendo un'altra pi¨ bella
e zitella resterÓ
quella lÓ, quella lÓ, quella lÓ.