Musica Italiana

Alle Terme di Caracalla

( Canta: Clara Jaione )
( Autori: Pinchi - Savar (Ravasini) - 1950 )


Tutta la storia romana
vicina e lontana, mi par di sognar.
E fra i ruderi che son li da millenni
la notte e il d,
mi rimetto a fantasticare cos.

Alle Terme di Caracalla
i romani giocavano a palla,
dopo il bagno verso le tre
tira, tira a me, che la tiro a te,
o con le mani o coi pi.

Alle Terme di Caracalla
forse i pesci venivano a galla,
ogni notte verso le tre
tira, tira a me, che la tiro a te,
poi si pescavan da se.

Poi ripenso
agli Orazi e Curiazi,
ai guerrieri che non ci son pi,
a Poppea, a Nerone, ai Patrizi,
ma non so Caracalla chi fu.

Alle Terme di Caracalla
i romani giocavano a palla,
dopo il bagno verso le tre
tira, tira a me, che la tiro a te,
e poi gridavan: Ol!

Dopo il bagno verso le tre
tira, tira a me, che la tiro a te,

Ogni notte verso le tre
tira, tira a me, che la tiro a te.

Oggigiorno per Caracalla:
"Una furtiva lacrima"
nella notte si sente cantar.
"Una voce poco fa"
come un eco risponde alla folla.
"Chi mi prega in tal momento"
Caracalla si mette a gridar.

Alle Terme di Caracalla,
alla notte la luna gi bella,
al ritorno cantiamo insiem
caro, caro ben,
caro, caro ben,
sempre felici sarem.

Sempre felici sarem. Ol!