Musica Italiana

Vola vola vola vola

( Canta: Claudio Villa )
( Autori: Albanese - Dommarco - 1908 )

Per capire il significato di questa canzone tipica abruzzese (soprattutto della quarta strofa), occorre considerare che "Vola, vola, vola" nella tradizione popolare era un gioco di societą semplice e divertente che i ragazzi e le ragazze di un tempo facevano accovacciandosi attorno ad un compagno che era stato scelto come Capogioco. Tutti i partecipanti appoggiavano l'indice sul suo ginocchio aspettando che lui dicesse "Vola, vola, vola" seguito dal nome di un animale. Se l'animale nominato era un volatile tutti dovevano alzare il dito, viceversa dovevano rimanere fermi. Ad esempio, pagava un pegno chi, per errore, faceva volare un asino e non un falco.

Originale in dialetto abruzzese In italiano corrente

Vulesse fa' 'rvenģ pe' n'ora sola
lu tiempe belle de la cuntentezze,
quande pazzijavame a "vola vola"
e te cuprč de vasce e de carezze.

E vola vola vola vola
e vola lu pavone.
Si tič lu core bbone
mo fammece arpruvą.

E vola vola vola vola
e vola lu pavone.
Si tič lu core bbone
mo fammece arpruvą.


'Na vote pe' spegna' lu fazzulette,
so' state cundannate de vasciarte.
Tu te scģ fatte rosce e me scģ dette
di 'nginucchiarme prima d'abbracciarte.

E vola vola vola vola
e vola lu gallinacce.
Mo si me guarde 'n facce
mi pare di sugna'.

E vola vola vola vola
e vola lu gallinacce.
Mo si me guarde 'n facce
mi pare di sugna'.


Come li fiure nasce a primavere,
l'amore nasce da la citilanze.
Marģ, si mi vuņ bbene accome jere,
nč mi luvą stu sogne e sta speranze.

E vola vola vola vola
e vola lu cardille.
Nu vasce a pizzichille
non mi le puņ negą.

E vola vola vola vola
e vola lu cardille.
Nu vasce a pizzichille
non mi le puņ negą.


Pure se po' veni' pe' n'ora sola!


Vorrei far tornare per un'ora sola
il tempo bello della contentezza,
quando giocavamo a "vola vola"
e ti coprivo di baci e di carezze.

E vola vola vola vola
e vola il pavone.
Se hai il cuore buono
ora fammici riprovare.

E vola vola vola vola
e vola il pavone.
Se hai il cuore buono
ora fammici riprovare.


Una volta, per spegnare il fazzoletto,
sono stato condannato a baciarti.
Tu ti sei fatta rossa e mi hai detto
di inginocchiarmi prima di abbracciarti.

E vola vola vola vola
e vola il gallinaccio.
Ora se mi guardi in faccia
mi pare di sognare.

E vola vola vola vola
e vola il gallinaccio.
Ora se mi guardi in faccia
mi pare di sognare.


Come i fiori che nascono a primavera,
l'amore nasce dalla fanciullezza.
Maria, se mi vuoi bene come ieri,
non togliermi questo sogno e questa speranza.

E vola vola vola vola
e vola il cardellino.
Un bacio con pizzicotti sulle guance
non me lo puoi negare.

E vola vola vola vola
e vola il cardellino.
Un bacio con pizzicotti sulle guance
non me lo puoi negare.


Anche se puoi venire per un'ora sola!