Musica Italiana

Voce 'e notte

( Canta: Claudio Villa )
( Autori: E. Nicolardi - E. De Curtis - 1904 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Si 'sta voce te scéta 'int''a nuttata,
mentre t'astrigne 'o sposo tujo vicino,
statte scetata, si vuó' stá scetata,
ma fa' vedé ca duorme a suonno chino.

Nun ghí vicino ê llastre pe' fá 'a spia,
pecché nun puo' sbagliá, 'sta voce e' 'a mia,
e' 'a stessa voce 'e quanno tutt'e duje,
scurnuse, nce parlávamo cu 'o "vvuje".

Si 'sta voce te canta dint''o core
chello ch'i' nun te cerco e nun te dico,
tutt''o turmiento 'e nu luntano ammore,
tutto ll'ammore 'e nu turmiento antico.

Si te vène na smania 'e vulé bene,
na smania 'e vase córrere p''e vvéne,
nu fuoco ca te brucia comm'a che,
vásate a chillo. Che te 'mporta 'e me!

Si 'sta voce che chiagne 'int''a nuttata
te sceta 'o sposo, nun avé paura,
vide ch'è senza nomme 'a serenata,
dille ca dorme e ca se rassicura.

Dille accussí: "Chi canta 'int'a 'sta via
o sarrá pazzo o more 'e gelusia!
Starrá chiagnenno qualche 'nfamitá.
Canta isso, sulo. Ma che canta a fá?!"


Se questa voce ti sveglia nella nottata,
mentre ti stringi al tuo sposo vicino,
resta sveglia, se vuoi stare sveglia,
ma fai finta che dormi profondamente.

Non andare vicino alla finestra per spiare,
perchè non puoi sbagliare, questa voce è la mia,
è la stessa voce di quando noi due
timidamente, ci parlavamo dandoci del voi.

Se questa voce ti canta nel cuore
quello che io non ti chiedo e non ti dico,
tutto il tormento di un lontano amore,
tutto l'amore di un tormento antico.

Se ti viene la smania di voler bene,
una smania di baci correre nelle vene,
un fuoco che ti brucia oltre ogni dire,
bacia lui. Cosa ti importa di me!

Se questa voce che piange nella notte
ti sveglia lo sposo, non temere,
osserva che la serenata non fa nomi,
digli che dorma e si rassicuri.

Digli così: Chi canta in questa strada
o sarà pazzo o muore di gelosia!
Starà piangendo per qualche infamia.
Canta solo questo. Ma cosa canta a fare?!