Musica Italiana

Vitti 'na crozza

( Canta: Il Tenore Michelangelo Verso )
( Accompagnamento: Quartetto Li Causi )
( Autore: Franco Li Causi - 1950 )

Ringrazio profondamente il mio caro amico Michelangelo Verso Jr, figlio del grande tenore, per avermi gentilmente inviato questa canzone superbamente cantata dal suo amato e compianto papá. Sottolineo che trattasi della prima registrazione storica avvenuta nel 1951 su dischi Cetra 78 giri.  La canzone prende lo spunto da una antica usanza siciliana di lasciare la testa del condannato a morte sull'alto della torre perchč servisse da esempio ed avviso. La maggior parte delle persone ancor oggi pensa che "nu cannuni" sia "un cannone" (arma da fuoco) mentre invece si tratta della grande torre, che in dialetto siciliano era appunto chiamata "cannuni" (ossia grande canna)

Originale in dialetto siciliano In italiano corrente

Vitti 'na crozza supra nu cannuni,
fui curiusu e ci vosi spiari.
Idda m'arrispunniu "'Ccu gran duluri,
muriri senza toccu di campani".

Sinn' eru, sinni eru li me anni,
sinn' eru, sinni eru e 'un sacciu unni.
Ora 'ca su' arrivati a ottant'anni,
u' vivu chiama e u' mortu 'un arrispunni.

Cunzatemi, cunzatemi stu' lettu
cca di li vermi su' manciatu tuttu.
Si nun lu scuttu 'cca' lu me piccatu,
lu scuttu a chidda vita, a sangu ruttu.

Idda m'arrispunniu 'Ccu gran duluri,
muriri senza toccu di campani!


Vidi un teschio sopra una torre,
fui curioso e volli sapere.
Esso mi rispose "Che gran dolore,
morire senza rintocco di campane".

Se ne andarono, se ne andarono i miei anni.
se ne andarono, se ne andarono, non so dove.
Ora che sono arrivato a ottant'anni,
il vivo chiama e il morto non risponde.

Preparatemi, preparatemi questo letto
che dai vermi sono mangiato tutto.
Se non lo sconto qua il mio peccato,
lo sconterň in quella vita, a sangue rotto.

Esso mi rispose "Che gran dolore,
morire senza rintocco di campane".