Musica Italiana

Uocchie c'arraggiunate

( Canta: Pina Cipriani )
( Autori: A. Falcone - Fieni - R. Falvo - 1904 )

Non ho parole per ringraziare dovutamente il Maestro Egidio Mastrominico (figlio della grandissima cantante Pina Cipriani) violinista e direttore del Teatro San Carluccio di Napoli, per avermi gentilmente inviato questa bellissima interpretazione della sua cara mamma autorizzandone la relativa pubblicazione.

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

St'uocchie ca tiene belle,
lucente ccchiù d''e stelle,
sò' nire cchiù d''o nniro
só' comm'a duje suspire.

Ogne suspiro coce,
ma tene 'o ffuoco doce,
e, comme trase 'mpietto,
nun mme dá cchiù arricietto.

E chi ve pò scurdá,
uocchie c'arraggiunate
senza parlá,
senza parlá!

A me guardate sí,
e státeve nu poco
comme dich' i', comme vogl' i',
comme cca si'.

Sò belle e cchiù splennente
'e ll'ebano lucente,
comm'a na seta fina
só' ll'uocchie 'e Cuncettina.

Sempe ca 'a ttèngo mente,
nce trovo sentimente
pecché nce sta nu vezzo,
ca i' guardo e ll'accarezzo.

E chi ve pò scurdá,
uocchie c'arraggiunate
senza parlá,
senza parlá!

A me guardate sí,
e státeve nu poco
comme dich' i', comme vogl' i',
comme cca si'.


Questi occhi che ha, belli,
lucenti più delle stelle,
sono neri più del nero,
sono come due sospiri.

Ogni sospiro brucia,
ma ha il fuoco dolce,
e, appena entra nel petto,
non mi dà più pace.

E chi vi può scordare,
occhi che conversate
senza parlare,
senza parlare!

Guardatemi, sí,
e restate un poco
come dico io, come voglio io,
come siete.

Sono belli e più splendenti
dell'ebano lucente,
come una seta fina
sono gli occhi di Concettina.

Sempre che mi vengono in mente,
ci trovo sentimenti
perchè hanno un vezzo
che io guardo ed accarezzo.

E chi vi può scordare,
occhi che conversate
senza parlare,
senza parlare!

Guardatemi, sí,
e restate un poco
come dico io, come voglio io,
come siete.