Musica Italiana

Torna

( Canta: il tenore Giuseppe di Stefano )
( Autori: P. Vento - N. Valente - 1930 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Te voglio n'ata vota 'int'a sti bbraccia.
Chello ca si' ch' 'mporta, ch'aggi''a fa?
Voglio chist'uocchie, voglio chesta faccia
addó' ce ride ògne felicitá.

Suonno d''a vita mia,
dimme pe' quala via
t'aggi''a vení a 'ncuntrá.

Torna!
'Sta casa aspetta a te.
Torna!
Che smania 'e te vedé!

E torna, torna, torna
ca, si ce tuorne tu,
nun ce lassammo cchiù.

Cu ciento desiderie 'e mala freva
'o specchio t'ha fernuto 'e arruviná.
Quanno partiste st'anema chiagneva
penzanno addó' putive capitá.

Dimme chi te trattene,
dimme qua' só' 'e ccatene
ch'aggi''a vení a spezzá.

Torna!
'Sta casa aspetta a te.
Torna!
Che smania 'e te vedé!

E torna, torna, torna
ca, si ce tuorne tu,
nun ce lassammo cchiù!


Ti voglio un'altra volta tra queste braccia.
Quello che sei cosa importa, che debbo fare?
Voglio questi occhi, voglio questo viso
dove ride ogni felicità.

Sogno della vita mia,
dimmi per quale via
ti devo venire ad incontrare.

Torna!
Questa casa aspetta te.
Torna!
Che smania di vederti!

E torna, torna, torna
che se ci torni tu,
non ci lasciamo più.

Con cento desideri di brutta febbre
lo specchio ha finito di rovinarti.
Quando partisti quest'anima piangeva
pensando dove potevi capitare.

Dimmi chi ti trattiene,
dimmi quali sono le catene
che debbo venire a spezzare.

Torna!
Questa casa aspetta te.
Torna!
Che smania di vederti!

E torna, torna, torna
che se ci torni tu,
non ci lasciamo più!