Musica Italiana

Torero

( Canta: Renato Carosone )
( Autori: R. Carosone - Nisa - 1957 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Tu pierde 'o suonno
'ncopp''e giurnalette
e mamme te minaccia
e patete s'arrabbia.

Te fanno gira' a' capa sti fumette,
guardannote 'into' 'o specchio
vuoi fare il Toreador
comme fanno a Santafè,
comme fanno ad ''Ollivud"
e cu' sta scusa, oi ni, nun studie cchiu'.

Oh! Torero,
te si' piazzato 'ncapo stu sombrero,
dice ca' si' spagnuolo e nun e''o vero,
che nacchere 'in t''a sacca vai a balla'
mescolando bolero e cia'- cia'.
Chi vuo' 'mbruglia'.

Torero,
cu' sti basette a' sudamericano,
cu' 'nu sicario avana
e 'a cammesella 'e picche'.
Torero,  torero.
 Ole!

Te fatto 'a giacchettella corta, corta,
e 'o cazunciello astritto
e 'o ricciurillo 'n fronte.
Te ride 'a gente areto
e nun te 'mporta.

Ti senti un Marlon Brando
che a spasso se ne va
per le vie di Santafè
per le vie di Ollivud
e 'a 'nnammurata toia nun te vo' cchiu'.

Ue! Torero,
te si' piazzato 'ncapo stu sombrero,
dice ca' si' spagnuolo e nun e''o vero
che nacchere 'in t''a sacca vai a balla'
mescolando bolero e cia'- cia'.
Chi vuo' 'mbruglia'.

Torero,
cu' sti basette a' sudamericano
cu' 'nu sicario avana
e 'a cammesella 'e picche'.
Torero, torero.
 Ole!

Oh! Torero,
e levatillo 'a capo stu sombrero,
nun si' spagnuolo e nun si' cabballero,
sti nacchere tu nun 'e saie suna'
e sti nacchere tu che ne 'a fa,
belo 'e mamma.

Torero,
cu' sti basette a' sudamericano
cu' 'nu sicario avana
e 'a cammesella 'e picche'.
Torero, torero.
Ole!

Ole!


Tu perdi il sonno
sopra i giornaletti
e mamma ti minaccia
e tuo padre si arrabbia.

Ti fanno girare la testa questi fumrtti,
guardandoti allo specchio
vuoi fare il Toreador
come fanno a Santafè,
come fanno ad Hollywood
e con questa scusa, o caro, non studi più.

Oh! Torero,
ti sei messo in testa questo sombrero,
dici che sei spagnolo e non è vero,
con le nacchere in tasca vai a ballare
mescolando bolero e cià- cià.
Chi vuoi imbrogliare.

Torero,
con queste basette da sudamericano,
con un sigaro avana
e una camicetta di lamé.
Torero,  torero.
 Ole!

Ti sei fatto una giacchetta corta, corta,
e il pantalone stretto
e il riccio in fronte.
Ti ride dietro la gente
e non ti importa.

Ti senti un Marlon Brando
che a spasso se ne va
per le vie di Santafè
per le vie di Hollywood
e la fidanzata tua non ti vuole più.

Ue! Torero,
ti sei messo in testa questo sombrero,
dici che sei spagnolo e non è vero,
con le nacchere in tasca vai a ballare
mescolando bolero e cià- cià.
Chi vuoi imbrogliare.

Torero,
con queste basette da sudamericano,
con un sigaro avana
e una camicetta di lamé.
Torero,  torero.
 Ole!

Oh! Torero,
e toglilo dal capo questo sombrero,
non sei spagnolo e non sei cabballero,
queste nacchere tu non le sai suonare
e queste nacchere tu che ce ne fai,
bello di mamma.

Torero,
con queste basette da sudamericano,
con un sigaro avana
e una camicetta di lamé.
Torero,  torero.
 Ole!

Ole!