Musica Italiana

Te voglio bene assaie

( Canta: Roberto Murolo & Mia Martini )
( Autori: R. Sacco - G. Donizetti - 1835 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Pecche' quanno me vide
te 'ngrife comm' 'o gatto?
Nenne' che t'aggio fatto
ca no mme puo' vede'?
Io t' 'aggio amato tanto
si t'amo tu lo saie.

I' te voglio bene assaie
e tu nun pienze a me.
I' te voglio bene assaie
e tu nun pienze a me.

La notte tutte dormeno,
ma io, che buo' durmėre!
Penzanno a Nenna mia
mme' sent'ascevulė.
Li quarte d'ora sonano
a uno, a ddoje, a tre.

I' te voglio bene assaie
e tu nun pienze a me.
I' te voglio bene assaie
e tu nun pienze a me.

Guardame nfaccia e bide
comme me so' arredutto.
Sicco, peliento e brutto
nennella mia, pe tte.
Cusuto a filo duppio
cu te me vedarraje.

I' te voglio bene assaie
e tu nun pienze a me.
I' te voglio bene assaie
e tu nun pienze a me.


Perché quando mi vedi,
ti impenni come il gatto?
Ragazza, che ti ho fatto
che non mi puoi vedere?
Io ti ho amato tanto,
se ti amo tu lo sai.

Io ti voglio bene assai
e tu non pensi a me.
Io ti voglio bene assai
e tu non pensi a me.

La notte tutti dormono,
ma io, che vuoi dormire!
Pensando alla ragazza mia
mi sento venir meno.
I quarti d'ora suonano
ad uno, a due, a tre.

Io ti voglio bene assai
e tu non pensi a me.
Io ti voglio bene assai
e tu non pensi a me.

Guardami in faccia e vedi
come mi sono ridotto.
Magro, tutta pelle e brutto,
ragazza mia, per te.
Cucito a doppio filo,
con te mi vedrai.

Io ti voglio bene assai
e tu non pensi a me.
Io ti voglio bene assai
e tu non pensi a me.