Musica Italiana

Terremoto d'Abruzzo

( Canta: Vittorio Alescio )
( Autore: Vittorio Alescio - 2009 )
( Pubblicazione autorizzata dall'autore )

Ringrazio il mio caro amico cantautore Vittorio Alescio per avermi autorizzato la pubblicazione di questa canzone
da lui stesso composta subito dopo la tragedia del terremoto che ha colpito la Regione Abruzzo e la sua Capitale.

Originale in dialetto romano In italiano corrente

Dio,
senti 'sta preghiera,
l'uomo della strada
che te sta a chiama'.

Ma che d'
tutta questa gente
che scappa dalle case
e nun s `ndo anna'.

Cdeno
chiese e cattedrali,
scole e campanili.
O mia povera citt!

Mamme
co' li regazzini
creno abbracciati
e c' chi gne la f.

Cdeno
chiese e cattedrali,
scole e campanili.
O mia povera citt!

Mamme
co' li regazzini
creno abbracciati
e c' chi gne la f.

Creno abracciati
e c' chi gne la f!


Dio,
ascolta questa preghiera,
l'uomo della strada
che ti sta chiamando.

Ma cos'
tutta questa gente
che scappa dalle case
e non s dove andare.

Cadono
chiese e cattedrali,
scuole e campanili.
O mia povera citt!

Mamme
con i bambini
corrono abbracciati
e c' chi non ce la f.

Cadono
chiese e cattedrali,
scuole e campanili.
O mia povera citt!

Mamme
con i bambini
corrono abbracciati
e c' chi non ce la f.

Corrono abbracciati
e c' chi non ce la f!