Musica Italiana

Stelle e lacrime

( Canta: Nilla Pizzi )
( Autori: Fiorelli - Fragna - 1952 )


Splendono in ciel le stelle, sembran lacrime,
e sopra il cuore mio cader le sento,
cadono e col mio pianto si confondono,
ed č tutto un tormento in cielo e in me.

Stasera il cuore canta il suo dolor
e piange invano un suo tradito amor,
vien l'eco d'un violino di lontano
che singhiozza di lassų, mentre m'appari tu.

Ripete il cuor "Io t'amo come allor",
le tue carezze e i baci sogno ancor,
ormai non posso amare pių nessuno,
senza te non vivo pių, tutto per me sei tu.

La luna, vecchia amica del passato,
si affaccia di lassų per ascoltar,
e dal suo volto pallido e sbiancato
la luce scende e come un pianto fa.

Su questa scena dei perduti amor
stasera il cuore canta il suo dolor,
il suono del violino s'allontana,
non mi resta nulla pių, un sol ricordo, tu.

La luna, vecchia amica del passato,
si affaccia di lassų per ascoltar,
e dal suo volto pallido e sbiancato
la luce scende e come un pianto fa.

Su questa scena dei perduti amor
stasera il cuore canta il suo dolor,
il suono del violino s'allontana,
non mi resta nulla pių, un sol ricordo, tu.