Musica Italiana

Signora Maestra

( Canta: Nicola Paone )
( Autore: Nicola Paone - 1951 )

Originale in mezzo dialetto siciliano

Signora Maestra, vossia che c´ave ‘ca?
Questi so’ i capelli ma non me l’há’ a toca’.
Li capelli, maestra, tirilù tirilì tirilà,
io vengo alla scuola perchè voglio impara’,
io vengo alla scuola perchè voglio impara’.

O que vuole impara’?
O que vuole impara’?

Signora Maestra, vossia che c´ave ‘ca?
Questa è la fronte ma non me l’há’ a toca’.
La fronte, i capilli, maestra, tirilù tirilì tirilà,
io vengo alla scuola, vossia me va insigna’,
io vengo alla scuola perchè voglio impara’.

O que vuole impara’?
O que vuole impara’?

Signora Maestra, vossia che c´ave ‘ca?
Questi so’ l’occhi ma non me l’há’ a toca’.
L’occhiuzzi, la frunte, li capedduzzi, tiritìtittù tiritìtittà,
io vengo alla scuola perchè voglio impara’,
uè uè, si vengo alla scuola, vossia me va insigna’.

O que vuole impara’?
O que vuole impara’?

Signora Maestra, vossia che c´ave ‘ca?
Questo è Il naso ma non me l’há’ a toca’.
Lu nasito, l’occhiuzzi, la frunte,
li capidduzzi, tiritittù tiritìtittà,
io vengo alla scuola perchè voglio impara’,
uè uè, si, vengo alla scuola perchè voglio impara’.

O que vuole impara’?
O que vuole impara’?

Signora Maestra, vossia che c’ave ‘ca?
Questa è la bocca ma non me l’há’ a toca’.
La bocca, il nasito, l’occhiuzzi, la frunte,
li capidduzzi, tiritittù tiritittà,
io vengo alla scuola perchè voglio impara’,
si, vengo alla scuola, vossia me va insigna’.

O que vuole impara’?
O que vuole impara’?

Signora Maestra, vossia che c’ave ‘ca?
Non essere male creato, non se deve domandar.
Però Maestra, Maestra, io vengo pe’ impara’,
io vengo alla scuola, vossia me va insigna’,
sì, io vengo alla scuola perchè voglio impara’.

O que vuole impara’?
O que vuole impara’?

Signora Maestra, vossia che c’ave ‘ca?
Queste so’ le gambe ma non me l’há’ a toca’.
Le gambe, parapappà papapapà,
papapapà papapapà,
la bocca, lu nasito, l’occhiuzzi,
la frunte, li capidduzzi, tiritittù tirirililà,
io vengo alla scuola perchè voglio impara’,
si, vengo alla scuola, vossia me va insigna’

O que vuole impara’?
O que vuole impara’?

Signora Maestra, vossia che c’ave ‘ca?
Queste so’ ‘i ginocchia ma non me l’há’ a toca’.
‘Le ginocchia, le gambe, parapappà papapapà
papapapà papapapà,
la bocca, lu nasito, l’occhiuzzi,
la frunte, li capidduzzi, tiritittù tirirililà,
io vengo alla scuola porque voglio impara’,
si, vengo alla scuola, vossia me va insigna’.

O que vuole impara’?
O que vuole impara’?

Maestra la ultima volta, me dice, vossia che c’ave ‘ca?
Questi so’ li piedi, ma non me l’há’ a toca’.
Li piedi, i ginocchia, le gambe, parapappà,
papapapà papapapà papapapà, davadava,
la bocca, lu nasito, l’occhiuzzi,
la frunte, li capidduzzi, tiritittù tirirililà,
io vengo alla scuola, vossia me va insigna’,
si, vengo alla scuola porque voglio impara’!

O que vuole impara’?
O que vuole impara’?
O que vuole impara’?
O que vuole impara’?
O que vuole impara’?