Musica Italiana

Serenatella a 'na cumpagna 'e scola

( Canta: Fausto Cigliano )
( Autori: M. Galdieri - G. Bonavolontà - 1957 )

Questa canzone mi è stata inviata dal mio caro amico italiano Franco Cacciafesta

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Serenatella a na cumpagna 'e scola
ca se chiammava...., 'o nomme no, nun mm''o ricordo.
Tropp'anne só' passate, 'o tiempo vola
e mo só' tante ca mme stanco d''e ccuntá.
Ma, comme fosse ajere, a me mme pare d''a vedé
a 'o stesso banco, proprio a fianco a me.

Serenatella a na cumpagna 'e scola
ca si 'a guardavo, giá tremmavo, comm' a che.

Vita, vita sbagliata!
Ch'aggiu perduto,
ch'aggiu lassato?
Ma che ce penzo a fá!
Va', trova mo addó' sta
chella felicitá
ca mme puteva accumpagná.

Cchiù tiempo passa e cchiù mme vène a mente
e, cchiù 'e na vota, sento 'a voce ca mme dice
"Comm'è che allora nun capiste niente?
Io te vulevo tantu bene, cride a me!"
E i' pure - lle risponno - "Io te vulevo bene a te,
pecché nun ce capèttemo, pecché?"

Cchiù tiempo passa e cchiù mme vène a mente,
ma 'o nomme...niente, nun mm''o pòzzo arricurdá.

Vita, vita sbagliata,
ch'aggiu perduto,
ch'aggiu lassato.
Ma che ce penzo a fá!
Va', trova mo addó' sta
chella felicitá
ca mme puteva accumpagná.

Serenatella a na cumpagna 'e scola
ca, mme ricordo, se chiammava "Giuventù"

 

Serenatella ad una compagna di scuola
che si chiamava...., il nome no, non lo ricordo.
Troppi anni sono passati, il tempo vola
ed ora sono tanti che mi stanco a contarli!
Ma, come se fosse ieri, mi sembra di vederla
allo stesso banco, proprio di fianco a me.

Serenatella ad una compagna di scuola
che solo a guardarla, tremavo come che!

Vita, vita sbagliata!
Cosa ho perduto,
cosa ho lasciato?
Ma perché ci penso?
Chissà, ora, dov'è
quella felicità
che mi poteva accompagnare!

Più tempo passa e più mi viene in mente,
e, più di una volta, sento la voce che mi dice
"Come mai allora non hai capito niente?
Io ti volevo tanto bene, credimi!"
"E anch'io" - le rispondo - "Ti volevo bene,
perché non ci siamo capiti, perché?"

Più tempo passa e più mi viene in mente,
ma il nome…., niente, non posso ricordarmelo.

Vita, vita sbagliata!
Cosa ho perduto,
cosa ho lasciato?
Ma perché ci penso?
Chissà, ora, dov'è
quella felicità
che mi poteva accompagnare!

Serenatella ad una compagna di scuola,
che, mi ricordo, si chiamava "Gioventù".