Musica Italiana

Semo gente de borgata

( Cantano I Vianella )
( Autori: F. Califano - M. Piacente - E. Vianello - 1972 )

Originale in dialetto romanesco In italiano corrente

'Na stanzetta
n'affitto č trovata,
pe' 'r momento va bbč,
semo gente de borgata,
nun potemo pagā.

Da domani comincia er carvario,
nun c'č artro da fā,
finirā 'sto calendario
e quarcosa cambierā.
Semo ricchi de volontā.

Core mio, core mio,
la speranza nun costa gnente,
quanta gente c'ha tanti sordi e l'amore no.
E stamo mejo noi
che nun magnamo mai.

Core mio, core mio,
la speranza nun costa gnente,
se potrebbe sta' pure mejo,
ma che voi fā,
per ora ce stai tu, e' 'resto ariverā.

Un lavoro,
magari a giornata,
pe' 'r momento va bbč,
semo gente de borgata
che alla vita ce tie'.

Semo nati de povera gente,
č la nostra realtā,
ma de vie ce ne sō tante,
tanti modi pč sfonnā,
ora annamoseli a cercā.

Core mio, core mio,
la speranza nun costa gnente,
quanta gente c'ha tanti sordi e l'amore no.
E stamo mejo noi
che nun magnamo mai.

Core mio, core mio,
se potrebbe sta' pure mejo, ma che voi fā,
per ora ce stai tu, e' 'resto ariverā.
E stamo mejo noi,
che nun magnamo mai!


Una stanzetta
in affitto č trovata,
per il momento va bene,
siamo gente di borgata,
non possiamo pagare.

Da domani comincia il calvario,
nun c'č altro da fare,
finirā questo calendario
e qualcosa cambierā.
Siamo ricchi di volontā.

Cuore mio, cuore mio,
la speranza non costa niente,
quanta gente ha tanti soldi e l'amore no.
E stiamo meglio noi
che non mangiamo mai.

Cuore mio, cuore mio,
la speranza non costa niente,
si potrebbe stare pure meglio,
ma che ci vuoi fare,
per ora ci sei tu, e il resto arriverā.

Un lavoro,
magari a giornata,
per il momento va bene,
siamo gente di borgata
che alla vita ci tiene.

Siamo nati da povera gente,
č la nostra realtā,
ma di vie ce ne sono tante,
tanti modi per sfondare,
ora andiamoceli a cercare.

Cuore mio, cuore mio,
la speranza non costa niente,
quanta gente ha tanti soldi e l'amore no.
E stiamo meglio noi
che non mangiamo mai.

Cuore mio, cuore mio,
se potrebbe stare pure meglio, ma che ci vuoi fare,
per ora ci sei tu, e il resto arriverā..
E stiamo meglio noi,
che non mangiamo mai!