Musica Italiana

Sciummo

( Canta: Mario Trevi )
( Autori: E. Bonagura - Lucillo - C. Concina - 1952 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Tu scinne, sciummo, sciummo, sciummo,
da 'a muntagna.
Io scénno, ca na mala sorte
mm'accumpagna.
E ghiammo, ohé!
Ll'ammore è sciummo ca se perde a mare.

Tu cante: "Tòcche, tòcche, tòcche,
spaccalegna".
'A saccio,
nun ce sta na vócca cchiù sanguégna.
E scénno, ohé!
Chi perde ammore va' cercando 'o mare.

Campana
ca suone 'a copp'a stu cunvento,
tu siente
ch'ha fatto chella faccia 'e santa.
Ajére, 'mbracci'a me, nu svenimento,
stasera vasa a n'ato e se n'avanta!

Oje, comme sona lenta e triste na zampogna,
ca scénne, sciummo, sciummo, sciummo,
da 'a muntagna!
E ghiammo, ohé!
Ll'ammore è sciummo ca se perde a mare,
e 'nfunn'ô mare s'arreposa 'o core.

Paese
addó' só' nato, i' te saluto.
Te veco
llá 'ncimma, sulo e abbandunato,
e 'nfamo, 'nfamo 'e me, mme ne só' ghiuto.
Te lasso pecché 'ammore mm'ha lassato!

Tu chiagne
quase comm'a n'ommo
ca se lagna,
e i' scénno,
sciummo, sciummo, sciummo,
da 'a muntagna!.

E ghiammo, ohé!
Ll'ammore è sciummo ca se perde a mare,
e sulo 'o mmare fa' scurda' l'ammore!


Tu scendi, fiume, fiume, fiume,
dalla montagna.
Io scendo, perchè una cattiva sorte
mi accompagna.
E andiamo, ohè!
L'amore è un fiume che si perde nel mare.

Tu canti: "Toc, toc, toc,
spaccalegna".
La conosco,
non c'è una bocca più vermiglia.
E scendo, ohé!
Chi perde l'amore va cercando il mare.

Campana
che suoni in cima a questio convento,
tu senti
cosa ha fatto quella faccia di santa.
Ieri, tra le mie braccia, uno svenimento,
stasera bacia un altro e se ne vanta.

Oh, come suona lenta e triste una zampogna,
che scende, fiume, fiume, fiume,
dalla montagna.
E andiamo, ohè!
L'amore è un fiume che si perde nel mare,
e in fondo al mare si riposa il cuore.

Paese
dove sono nato, io ti saluto.
Ti vedo
là in cima, solo ed abbandonato,
ed io infame, infame di me, me ne sono andato.
Ti lascio perché l'amore mi ha lasciato!

Tu piangi
quasi come un uomo
che si lamenta,
ed io scendo
fiume, fiume, fiume,
dalla montagna!

E andiamo, ohé!
L'amore è un fiume che si perde nel mare
e solo il mare fa scordare l'amore!