Musica Italiana

Questa o quella

( Canta: Il Tenore Luciano Pavarotti )
( Autori: G. Verdi - F. M. Piave - 1851 )
( Ballata dall'Opera "Rigoletto" di Giuseppe Verdi )

L'azione si svolge nel palazzo del Duca di Mantova dove si sta svolgendo un ballo. Ci sono cortigiani e paggi che vanno e vengono e l'atmosfera è di generale allegria. Nella ballata dal ritmo brillante, il Duca coglie l'occasione per esprimere la sua filosofia, secondo la quale, una donna vale l'altra, oggi gliene può piacere una, domani un'altra.


Questa o quella per me pari sono,
a quant’altre d’intorno,
d'intorno mi vedo.
Del mio core l’impero non cedo,
meglio ad una che ad altre beltà.

La costoro avvenenza è qual dono
di che il fato ne infiora la vita.
S’oggi questa mi torna gradita,
forse un’altra,
forse un'altra doman lo sarà.

Un'altra,
forse un'altra doman lo sarà!

La costanza, tiranna del core,
detestiamo qual morbo,
qual morbo crudele.
Sol chi vuole si serbi fedele,
non v’ha amor, no no, se non v’è libertà.

Dei mariti il geloso furore,
degli amanti le smanie derido.
Anco d'Argo i cent’occhi disfido
se mi punge,
se mi punge una qualche beltà.

Se mi punge una qualche beltà