Musica Italiana

Pupo biondo

( Canta: Lando Fiorini )
( Autori: Mario Fagioli e Fortunato Lay - 1927 )

Originale in dialetto romanesco In italiano corrente

Cianno forse tutt'e due la stessa etÓ,
je fiorisce dentro ar core n'illusione
e 'gni vicolo anniscosto ce la sa
tutta quanta la passione.

Lui je cerca la boccuccia,
ch'Ŕ un biggi¨,
e in un bacio je sussurra
a tu-per-tu:

Noi ciavremo 'na loggetta
cor geranio e le pansŔ,
tu sarai la regginetta
io m'empegno a fa' da re.

Regneremo in tutt'er monno
e all'erede pensa te.
Vojo un pupo, un pupo bionno,
p'anninnallo in braccio a me.

Va a la guera la pi¨ bella giovent¨,
'gni fanfara s'arisveja
e squilla ardita
e lui pure canta alegro e va lass¨.

Lei ciÓ in seno 'n'antra vita
e se pensa ar pupo bello che verÓ,
se l'insogna
e ce se mette a raggionÓ:

Quanno arivi, pupo bello,
mamma tua te fa trovÓ
l'abbituccio turchinello
tutto pieno de volÓ.

Mentre un passero cinguetta
e er geranio fiorirÓ,
aspettanno alla loggetta
er ritorno de papÓ.

Mamma cuce, er pupo compita "PapÓ"
e, guidato da quer trillo, viŔ un sordato,
a tastoni, come un cieco. Chi sarÓ?
E' papÓ ch'Ŕ ritornato!

Se confonneno in un bacio
tutt'e tre,
poi papÓ se strigne er pupo
e v˛ sapÚ:

Pupo, ciÓi er visetto tonno,
un visetto ch'Ŕ un biggi¨.
Come sei, moretto o bionno?
CiÓi l'occhioni neri o blu?

Te lo chiedo 'n'antra vorta,
pupo mio, dimmelo tu,
perchŔ mamma nun s'Ŕ accorta
che papÓ nun vede pi¨!


Hanno forse tutti e due la stessa etÓ,
fiorisce nel loro cuore un'illusione
e ogni vicolo nascosto conosce
tutta quanta la loro passione.

Lui le cerca la boccuccia,
che Ŕ un "bijou",
e in un bacio le sussurra
a tu-per-tu:

Noi avremo un negozietto
col geranio e le pansŔ,
tu sarai la reginetta
io mi impegno a fare da re.

Regneremo in tutto il mondo
e all'erede ci penserai tu.
Voglio un pupo, un pupo biondo,
per ninnarlo tra le mie braccia.

Va alla guerra la pi¨ bella giovent¨,
ogni fanfara si risveglia
e squilla ardita
e lui pure canta allegro e va lass¨.

Lei ha in seno un'altra vita
e se pensa al pupo bello che verrÓ,
se lo sogna
e comincia a parlargli:

Quando arrivi, pupo bello,
mamma tua ti fa trovare
l'abitino turchino
tutto pieno di merletti.

Mentre un passero cinguetta
ed il geranio fiorirÓ,
aspettando al negozietto
il ritorno di papÓ.

Mamma cuce, il pupo sillaba "PapÓ"
e, guidato da quel trillo, viene un soldato,
a tastoni, come un cieco. Chi sarÓ?
E' papÓ che Ŕ ritornato!

Si confondono in un bacio
tutti e tre,
poi papÓ si stringe il pupo
e vuol sapere:

Pupo, hai il visetto tondo,
un visetto che Ŕ un "bijou".
Come sei, moretto o biondo?
Hai gli occhioni neri o blu?

Te lo chiedo un'altra volta,
pupo mio, dimmelo tu,
perchŔ mamma nun si Ŕ accorta
che papÓ non vede pi¨!