Musica Italiana

Pigliate 'na pastiglia

( Canta: Renato Carosone )
( Autori: Nisa - Carosone - 1958 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Canta Napoli.
Napoli in farmacia.
Eh eh.

Io cammino ogne notte,
io cammino sbarianno,
io nun tengo maje suonno,
nun chiudo maje ll'uocchie
e nun bevo cafè.

Va' te cócca, siente a me!
Va' te cócca, siente a me!


Na perziana ca sbatte,
nu lampione ca luce
e nu 'mbriaco ca dice,
bussanno a na porta:
"Mm'arape, Cuncè' !"
'A tre mise nun dormo cchiù,
na vucchella vurría scurdá.
Gente, diciteme comm'aggi''a fá.

Pígliate na pastiglia!
Pígliate na pastiglia,
siente a me!


Pe' mme fá addurmí,
pe' mme fá scurdá
il mio dolce amor.

Pígliate na pastiglia!
Pígliate na pastiglia,
siente a me!


Pe' mme fá sentí
come un gran pasciá
e mm'inebria il cuor.

Dint''e vvetrine 'e tutt''e farmaciste,
la vecchia camomilla ha dato il posto
alle palline 'e glicerofosfato,
bromotelevisionato,
grammi zero, zero, tre.
Ah!

Pígliate na pastiglia,
siente a me!


Dint''o scuro na gatta,
mastecanno na sarda,
doce doce mme guarda,
mme guarda, se struscia,
miagola e fa:

Siente a me, vatte a cuccá!
Siente a me, vatte a cuccá!


Só' nu ciuccio 'e carretta
carrecato d'ammore
ca se tira stu core,
stu core ca cerca la felicitá.
'A tre mise nun dormo cchiù,
na vucchella vurría scurdá.
Gente, diciteme comm'aggi''a fá.

Dint''e vvetrine 'e tutt''e farmaciste,
la vecchia camomilla ha dato il posto
alle palline 'e glicerofosfato,
bromotelevisionato,
diddittí, bicarbonato,
borotalco e seme 'e lino,
cataplasma e semolino,
na custata â fiorentina,
mortadella e duje panine
cu nu miezu litro 'e vino,
nu caffé con caffeina,
grammi zero, zero, tre.
Ah!

Pígliate na pastiglia,
siente a me!



Canta Napoli.
Napoli in farmacia.
Eh eh.

Io cammino ogni notte,
io cammino divagando,
io non ho mai sonno,
non chiudo mai gli occhi
e non bevo caffè.

Vai a coricarti, senti a me!
Vai a coricarti, senti a me!

Una persiana che sbatte,
un lambione che brilla
e un ubriaco che dice,
bussando a una porta:
"Aprimi, Concetta!"
Da tre mesi non dormo più,
una boccuccia vorrei scordare.
Gente, ditemi come devo fare.

Prenditi una pastiglia!
Prenditi una pastiglia,
senti a me!

Per farmi dormire,
per farmi scordare
il mio dolce amore.

Prenditi una pastiglia!
Prenditi una pastiglia,
senti a me!

Per farmi sentire
come un grande pasciá
e mi inebria il cuore.

Dentro le vetrine di tutte le farmacie,
la vecchia camomilla ha dato il posto
alle palline di glicerofosfato,
bromotelevisionato,
grammi zero, zero, tre.
Ah!

Prenditi una pastiglia,
senti a me!

Nello scuro una gatta,
masticando una sarda,
dolce dolce mi guarda,
mi guarda, si struscia,
miagola e fa:

Senti a me, vai a coricarti!
Siente a me, vai a coricarti!

Sono um mulo di carretto
caricato d'amore
che si tira questo cuore,
questo cuore che cerca la felicità.
Da tre mesi non dormo più,
una boccuccia vorrei scordare.
Gente, ditemi come devo fare.

Dentro le vetrine di tutte le farmacie,
la vecchia camomilla ha dato il posto
alle palline di glicerofosfato,
bromotelevisionato,
diditi, bicarbonato,
borotalco e seme di lino,
cataplasma e semolino,
una costata alla fiorentina,
mortadella e due panini
con mezzo litro di vino,
un caffé con caffeina,
grammi zero, zero, tre.
Ah!

Prenditi una pastiglia,
senti a me!