Musica Italiana

Piccolo grande amore

( Canta: Claudio Baglioni )
( Autori: C. Baglioni -  G. Coggio - 1972 )


Quella sua maglietta fina
tanto stretta al punto che
mi immaginavo tutto.
E quell'aria da bambina
che non glielo detto mai,
ma io ci andavo matto.

E chiare sere d'estate,
il mare, i giochi, le fate,
e la paura e la voglia di essere nudi,
un bacio a labbra salate,
il fuoco, quattro risate,
e far l'amore giù al faro.
Ti amo davvero, ti amo lo giuro.
Ti amo, ti amo davvero.

E lei, lei mi guardava con sospetto
poi mi sorrideva e mi teneva stretto stretto.
Ed io, io non ho mai capito niente
visto che oramai non me lo levo dalla mente
che lei, lei era
un piccolo grande amore,
solo un piccolo grande amore,
niente più di questo, niente più.

Mi manca da morire
quel suo piccolo grande amore,
adesso che saprei cosa dire,
adesso che saprei cosa fare,
adesso che
voglio un piccolo grande amore.

Quella camminata strana,
pure in mezzo a chissacchè,
l'avrei riconosciuta.
Mi diceva "sei una frana"
ma io questa cosa qui
mica l'ho mai creduta.

E lunghe corse affannate
incontro a stelle cadute,
e mani sempre più ansiose
di cose proibite.
E le canzoni stonate urlate al cielo lassù
"chi arriva prima a quel muro..."
Non sono sicuro se ti amo davvero
non sono, non sono sicuro.

E lei, tutto ad un tratto non parlava
ma le si leggeva chiaro in faccia che soffriva.
Ed io, io non lo so quant'è che ho pianto.
Solamente adesso me ne sto rendendo conto
che lei, lei era
un piccolo grande amore,
solo un piccolo grande amore,
niente più di questo, niente più.

Mi manca da morire
quel suo piccolo grande amore,
adesso che saprei cosa dire,
adesso che saprei cosa fare,
adesso che
voglio un piccolo grande amore.