Musica Italiana

'O Suspiro

( Canta: Renato Carosone )
( Autori: Nisa - R. Carosone - 1957 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Canta Napoli,
Napoli a sospiro...eh...eh!


Si mįmmeta t'ha fatto cu 'abbundanza,
sti ssuttanelle strette,
tu, che t''e mmiette a fą?
Sarrį l'effetto della tua presenza
ca, doce doce, mme fa suspirą.

Tu, quanno passe, mme faje venķ na mossa,
oje vocca rossa, che sfizio a te vasą!
Tu nun 'o ssaje, ma chistu core mio
suspira e fą: Aaaah!
Sei una bontą!

Pe' st'uocchie nire 'mpazzisce 'o gelatiere,
'o ragiuniere nun riesce a ragiuną,
e 'o canteniere, sciacquanno nu bicchiere,
suspira e fą: Aaaah!
Sei una bontą!

Nun 'o vvide ca 'o barbiere
nun 'nzapona e guarda a te
mentre 'o cliente,
'a copp''a seggia,
zompa e dice: Ma chi č?

Tu, quanno passe, mme faje venķ na mossa,
oje vocca rossa, che sfizio a te vasą!
Si' na pupata e tutt''o vicinato
suspira e fą: Aaaah!
Sei una bontį!

Aaaah!
Aaaah!
Aaaah!

Nun 'o vvide ca 'o barbiere
nun 'nzapona e guarda a te?
Mentre 'o cliente,
'a copp''a seggia,
zompa e dice: Ma chi č?

Tu, quanno passe, mme faje venķ na mossa,
oje vocca rossa, che sfizio a te vasą!
Si' na pupata e tutt''o vicinato
suspira e fą: Aaaah!
Sei una bontį!

Aaaah!
Sei una bontį!
Aaaah!
Sei una bontį!
Aaaah!

 


Canta Napoli,
Napoli a sospiro...eh...eh!


Se tua madre ti ha fatto con abbondanza,
questa sottana stretta,
tu, perchč te la sei messa?
Sarą l'effetto della tua presenza
che, dolcemente, mi fa sospirare.

Tu, quando passi, mi fai venire una smania,
quella bocca rossa, che voglia di baciartela!
Tu non lo sai, ma questo cuore mio
sospira e fą: Aaaah!
Sei una bontą!

Per questi occhi neri impazzisce il gelataio,
il ragiuniere non riesce a ragionare,
ed il cantiniere, sciacquando un bicchiere,
sospira e fą: Aaaah!
Sei una bontą!

Non lo vedi che il barbiere
non insapona e guarda a te
mentre il cliente,
dalla sedia,
salta e dice: Ma chi č?

Tu, quando passi, mi fai venire una smania,
quella bocca rossa, che voglia di baciartela!
Sei una bambola e tutto il vicinato
sospira e fą: Aaaah!
Sei una bontį!

Aaaah!
Aaaah!
Aaaah!

Non lo vedi che il barbiere
non insapona e guarda a te
mentre il cliente,
dalla sedia,
salta e dice: Ma chi č?

Tu, quando passi, mi fai venire una smania,
quella bocca rossa, che voglia di baciartela!
Sei una bambola e tutto il vicinato
sospira e fą: Aaaah!
Sei una bontį!

Aaaah!
Sei una bontį!
Aaaah!
Sei una bontį!
Aaaah!