Musica Italiana

O Paese do sole

( Canta: Il Tenore Luciano Pavarotti )
( Autori: Bovio - D'Annibale - 1925 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Ogge st tanto allero
ca quase quase mme mettesse a chiagnere
pe' 'sta felicit.
Ma overo o nun overo
ca s turnato a Napule?
Ma overo ca st cc?
'O treno steva ancora 'int''a stazione
quanno aggio 'ntiso 'e primme manduline.

Chist' 'o paese d''o sole,
chist' 'o paese d''o mare,
chist' 'o paese add tutt''e pparole
s doce o s amare,
s sempe parole d'ammore!


Tutto, tutto destino!
Comme putevo f furtuna a ll'estero
s'io voglio camp cc?
Mettite 'nfrisco 'o vino!
Tanto ne voglio vvere,
ca mm'aggi''a 'mbriac.
Dint'a sti qquatto mure io st cuntento,
mamma mme sta vicino e nnna canta:

Chist' 'o paese d''o sole,
chist' 'o paese d''o mare,
chist' 'o paese add tutt''e pparole
s doce o s amare,
s sempe parole d'ammore!



Oggi sono tanto allegro
che quasi quasi mi metterei a piangere
per questa felicit.
Ma vero o non vero
che sono tornato a Napoli?
Ma vero che sono qua?
Il treno era ancora nella stazione
quando ho sentito i primi mandolini.

Questo il paese del sole,
questo il paese del mare,
questo il paese dove tutte le parole
sono dolci o sono amare,
sono sempre parole d'amore.


Tutto, tutto destino!
Come potevo far fortuna all'estero
se io voglio vivere qua?
Mettete in fresco il vino!
Ne voglio bere tanto,
che mi devo ubriacare.
In queste quattro mura io sono contento,
mamma mi vicino, e la mia donna canta:

Questo il paese del sole,
questo il paese del mare,
questo il paese dove tutte le parole
sono dolci o sono amare,
sono sempre parole d'amore.