Musica Italiana

Nu quarte 'e luna

( Canta: Claudio Villa )
( Autori: D. Titomanlio - N. Oliviero - 1951 )

Originale in napoletano In italiano corrente

Cielo e che nuvole stasera,
pare ch''o munno se ne more,
ma na speranza pe' stu core
nun p mur.

Nun ce v' na luna chiena
pe' cap si mme vu bene,
mm' abbastato 'o ppoco 'e luna
pe' te cap.

Che mm'ha saputo f
stu quarte 'e luna!
Che mm'ha saputo f
chi voglio bene!

E mme martella sempe
nu penziero,
nun overo
ca pienze sulo a me.

Comme s' triste 'e nnote
'e 'sta canzone!
E comm' amaro 'o bbene
'e chi v' bene.

Nun mme guard,
si chiagno nun guard.
Che mm'ha saputo f
stu quarte 'e luna!

Nun mme guard,
si chiagno nun guard.
Che mm'ha saputo f
stu quarte 'e luna!


Cielo e che nuvole stasera,
sembra che il mondo se ne muore,
ma una speranza per questo cuore
non pu morire.

Non ci vuole una luna piena
per capire se mi vuoi bene,
mi bastato un poco di luna
per capirti.

Cosa ha saputo farmi
questo quarto di luna!
Cosa mi ha saputo fare
chi io voglio bene!

E mi martella sempre
un pensiero,
non vero
che pensi solo a me.

Come sono tristi le note
di questa canzone!
E come amaro il bene
di chi vuol bene!

Non mi guardare,
se piango non mi guardare.
Cosa ha saputo farmi
questo quarto di luna!

Non mi guardare,
se piango non mi guardare.
Cosa ha saputo farmi
questo quarto di luna!