Musica Italiana

Nun è peccato

( Canta: Peppino Di Capri )
( Autori: C. A. Rossi - Calise - 1960 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Si mme suonne 'int' 'e suonne che faje
nun è peccato.
E si 'nzuonno nu vaso mme daje
nun è peccato.

Tu mme guarde cu st'uocchie 'e passione,
io te parlo e mme tremmano 'e mmane.
Ma si chesto pe' te nun è bene
mme saje dicere 'o bbene che è?

Si 'sta vocca desidera 'e vase
nun è peccato.
Ma vestímmolo 'e vita stu suonno
che 'a freve ce dá.

E tu abbràcciame
cchiù forte astrìgneme,
pecché 'ammore ca siente pe' me
peccato nun è.

Si 'sta vocca desidera 'e vase
nun è peccato.
Ma vestímmolo 'e vita stu suonno
che 'a freve ce dá.

E tu abbràcciame
cchiù forte astrìgneme,
pecché 'ammore ca siente pe' me
peccato nun è.


Se mi sogni nei sogni che fai
non è peccato.
E se in sogno un bacio mi dai
non è peccato.

Tu mi guardi con questi occhi di passione,
io ti parlo e mi tremano le mani.
Ma se questo per te non è bene,
sai dirmi il bene che cos'è?

Se questa bocca desidera i baci
non è peccato.
Ma vestiamolo di vita questo sogno
che la febbre ci da.

E tu abbracciami
più forte stringimi,
perché l'amore che senti per me
peccato non è.

Se questa bocca desidera i baci
non è peccato.
Ma vestiamolo di vita questo sogno
che la febbre ci da.

E tu abbracciami
più forte stringimi,
perché l'amore che senti per me
peccato non è.