Musica Italiana

Nenè e Pepè

( Canta: Renato Carosone e Gegè di Giacomo )
( Autore:  Renato Carosone - 1959 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Canta Napoli,
Napoli vezzeggiativa...eh...eh.

Essa si chiama Nannina
e io la chiammo Nenè.
Io mi chiamo Peppino
essa me chiamma Pepè.
Tutt’ ‘e giorne
ce ‘ncuntrammo, ce guardammo,
suspirammo, ci abbracciammo,
ce vasammo
e giurammo, vocca e vocca,
'e ce spusà.

Quando giungerà quel dì
delle nozze Nenè,
tu te sentirai ‘e svenì
fra le braccia ‘e Pepè.
Il tuo fiato nel mio fiato
scende in cuore acuto acuto.
‘O fotografo fa ‘a foto
e tu sviene ‘nbraccio a mmè, Nenè.
E tu sviene ‘nbraccio a mmè,
‘nbraccio a Pepè.

Quanto sei bella Nannina
quando mi chiami Pepè.
Che bella voce squillante
che tieni in gola Nenè.
La tua voce
è una carezza, che bellezza,
che freschezza, che dolcezza.
Che schifezza
che sarebbe la mia vita
senz’ ‘e te.

Quando giungerà quel dì
delle nozze Nenè,
tu te sentirai ‘e svenì
fra le braccia ‘e Pepè.
Il tuo fiato nel mio fiato
scende in cuore acuto acuto.
‘O fotografo fa ‘a foto
e tu sviene ‘nbraccio a mmè, Nenè.
E tu sviene ‘nbraccio a mmè.

Quando giuungerà quel dì
delle nozze Nenè,
tu te sentirai ‘e svenì
fra le braccia ‘e Pepè.
Il tuo fiato nel mio fiato
scende in cuore acuto acuto.
‘O fotografo fa ‘a foto
e tu sviene ‘nbraccio a mmè, Nenè.
E tu sviene ‘nbraccio a mmè,
‘nbraccio a Pepè.

Pe Pe Pe Pe Pe Pe Pe Pe Pe Pepè
'a vo' bene a Nené
Ne Ne Ne Ne Ne Ne Ne Ne ne Nenè
'o vo' bene a Pepè.


Canta Napoli,
Napoli vezzeggiativa...eh...eh.

Lei si chiama Nannina
e io la chiamo Nenè.
Io mi chiamo Peppino
lei me chiama Pepè.
Tutti i giorni
ci incontriamo, ci guardiamo,
sospiriamo, ci abbracciamo,
ci baciamo
e giuriamo, bocca a bocca,
di sposarci.

Quando arriverà quel giorno
delle nozze Nenè,
tu ti sentirai svenire
fra le braccia di Pepè.
Il tuo alito nel mio alito
scende in cuore acuto acuto.
Il fotografo fa la foto
e tu mi svieni in braccio, Nenè.
E tu mi svieni in braccio,
in braccio a Pepè.

Quanto sei bella Nannina
quando mi chiami Pepè.
Che bella voce squillante
che hai in gola Nenè.
La tua voce
è una carezza, che bellezza,
che freschezza, che dolcezza.
Che schifezza
che sarebbe la mia vita
senza di te.

Quando arriverà quel giorno
delle nozze Nenè,
tu ti sentirai svenire
fra le braccia di Pepè.
Il tuo alito nel mio alito
scende in cuore acuto acuto.
Il fotografo fa la foto
e tu mi svieni in braccio, Nenè.
E tu mi svieni in braccio.

Quando arriverà quel giorno
delle nozze Nenè,
tu ti sentirai svenire
fra le braccia di Pepè.
Il tuo alito nel mio alito
scende in cuore acuto acuto.
Il fotografo fa la foto
e tu mi svieni in braccio, Nenè.
E tu mi svieni in braccio,
in braccio a Pepè.

Pe Pe Pe Pe Pe Pe Pe Pe Pe Pepè
lui vuol bene a Nené
Ne Ne Ne Ne Ne Ne Ne Ne ne Nenè
lei vuole bene a Pepè.