Musica Italiana

'Na sera 'e maggio

( Canta: Sergio Bruni )
( Autori: G. Pisano - G. Cioffi - 1938 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Quanno vien'a 'appuntamento
guarde 'o mare, guard' 'e ffronne.
S' i' te parlo nun rispunne,
staje distratta comm'a che.

Io te tengo dint' 'o core,
sóngo sempe 'nnammurato
ma tu, invece, pienze a n'ato
e te staje scurdanno 'e me.

Quanno se dice si, tiènelo a mente,
nun s' ha da fá murí nu core amante.
Tu mme diciste si 'na sera 'e maggio
e mo tiene 'o curaggio 'e mme lassá.

St'uocchie tuoje nun só sincere
comm'a quanno mme 'ncuntraste,
comm'a quanno mme diciste:
"Te voglio bene, sulo a te".

E tremmanno mme giuraste,
cu na mano 'ncopp' 'o core:
"Nun se scorda 'o primmo ammore".
Mo te staje scurdanno 'e me.

Quanno se dice si, tiènelo a mente.
nun s' ha da fá murí nu core amante.
Tu mme diciste si na sera 'e maggio
e mo tiene 'o curaggio 'e mme lassá.

 

Quando vieni all'appuntamento
guardi il mare, guardi le foglie.
Se io ti parlo non rispondi,
stai distratta chissà perchè.

Io ti tengo nel cuore,
sono sempre innamorato
ma tu, invece, pensi ad un altro
e ti stai scordando di me.

Quando si dice si, tienilo in mente,
non si deve far morire un cuore amante.
Tu mi hai detto si una sera di maggio
ed ora hai il coraggio di lasciarmi.

Questi occhi tuoi non sono sinceri
come quando mi incontrasti,
come quando mi dicesti:
"Ti voglio bene, solo a te".

E tremando mi giurasti,
con una mano sul cuore:
"Non si dimentica il primo amore".
Ora ti stai dimenticando di me.

Quando si dice si, tienilo in mente,
non si deve far morire un cuore amante.
Tu mi hai detto si una sera di maggio
ed ora hai il coraggio di lasciarmi.