Musica Italiana

Miss, mia cara Miss

( Canta: Antonio de Curtis (Totò) )
( Autore: Antonio de Curtis - 1958 )
( Dal film "Totò a Parigi" )



Totò (Nato a Napoli il 15/02/1898 - Deceduto a Roma il 15/04/1967) è il nome d'arte di Antonio, Focas, Flavio, Angelo, Ducas, Comneno, De Curtis, di Bisanzio, Gagliardi, più noto come Antonio De Curtis o semplicemente Totò. Egli è stato un attore, compositore e poeta italiano, era soprannominato "il principe della risata" ed è considerato uno dei più grandi interpreti nella storia del teatro e del cinema italiano. Totò spaziò in tutti i generi teatrali con oltre 50 titoli, dal variété all'avanspettacolo ed alla grande rivista, passando per il cinema, con 97 film interpretati dal 1937 al 1967 e visti da oltre 270 milioni di spettatori (un primato nella storia del cinema italiano). Fu presente anche in televisione con una serie di 9 telefilm diretti da Daniele D'Anza, poco prima della sua scomparsa.

Originale in mezzo dialetto napoletano In italiano corrente

La incontrai per caso a Messina,
proveniva da Canicattì,
prese posto sulla littorina,
che partiva gremita quel dì.

Al mio sguardo, ben chiaro e palese,
non rispose né no e né sì,
allora io, col mio nobile inglese,
sottovoce le dissi così:

Miss, mia cara Miss,
nu cuoppo allesse io divento per te.
Miss, mia dolce Miss,
scaveme a fossa ca io moro per te.

Perdonami se cantoti
quell'aria che sai tu,
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù".

Miss,
mia cara Miss,
faccio a scummessa
che io ti sposo a 'tte.

Miss,
mia dolce Miss,
io voglio il bis
e tu lo sai di che.

La baciai, mi baciò, ci baciammo,
stretti stretti abbracciati così.
Per un'ora e tre quarti filammo,
ad un tratto sparò mezzodì.

Or mi scrive una lettera al mese
e mi dice: Mio caro Mimì,
io rispondo al tuo nobile inglese
ma però nun riesco a capi'.

Miss, mia cara Miss,
nu cuoppo allesse io divento per te.
Miss, mia dolce Miss,
scaveme a fossa ca io moro per te.

Perdonami se cantoti
quell'aria che sai tu,
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù".

Miss,
mia cara Miss,
faccio a scummessa
ca io mi sposo a 'tte.

Miss,
mia dolce Miss,
io voglio il bis
e tu lo sai di che!


La incontrai per caso a Messina,
proveniva da Canicattì,
prese posto sulla littorina,
che partiva gremita quel dì.

Al mio sguardo, ben chiaro e palese,
non rispose né no e né sì,
allora io, col mio nobile inglese,
sottovoce le dissi così:

Miss, mia cara Miss,
un allocco io divento per te.
Miss, mia dolce Miss,
scavami la fossa che io muoio per te.

Perdonami se ti canto
quell'aria che sai tu,
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù".

Miss,
mia cara Miss,
scommetto
che io ti sposo.

Miss,
mia dolce Miss,
io voglio il bis
e tu lo sai di che.

La baciai, mi baciò, ci baciammo,
stretti stretti abbracciati così.
Per un'ora e tre quarti filammo,
ad un tratto sparò mezzodì.

Or mi scrive una lettera al mese
e mi dice: Mio caro Mimì,
io rispondo al tuo nobile inglese
però non riesco a capire.

Miss, mia cara Miss,
un allocco io divento per te.
Miss, mia dolce Miss,
scavami la fossa che io muoio per te.

Perdonami se t canto
quell'aria che sai tu,
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù".

Miss,
mia cara Miss,
scommetto
che io ti sposo.

Miss,
mia dolce Miss,
io voglio il bis
e tu lo sai di che!