Musica Italiana

Mandulinata a Surriento

( Canta: Gilda Mignonette )
( Autori: E. A. Mario - Ciaravolo - 1922 )

Dotata di una voce e di un temperamento che le permettevano di eccellere in canzoni di tono nostalgico o drammatico, Gilda Mignonette fu tra le cantanti popolari più acclamate tra le due guerre sia a Napoli che a New York, dove divenne la "regina degli emigranti". Nata a Napoli nel 1890, esordì a vent'anni come ballerina senza destare grandi entusiasmi. Fu notata da Roberto Ciaramella, che ne intuì le doti vocali e la convinse a cambiare genere. Così la Mignonette si costruì un repertorio di canzoni melodiche napoletane e italiane, affermandosi gradatamente. Nel 1924 debuttò a New York dove seppe guadagnare grandi consensi e dove poi si trasferì per sposare il cantante Franco Acierno. Non dimenticò giammai la sua città natale, dove tornava ogni anno per esibirsi e acquisire un nuovo repertorio. Morì nel 1953 su una nave che la portava a Napoli lasciando molti dischi che hanno rappresentato il punto di riferimento per una miriade di cantanti successive. Portentosa interprete, ineguagliabile nei toni commossi e struggenti evocati con un trasporto che scaturiva da una passionalità sincera, la Mignonette è stata una grandissima artista.

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Mandulinata a Surriento,
mandulinata a chi sposa
sott'a 'sta luna d'argiento,
ca 'e st'acqua addirosa,
nu specchio vò' fá.

Va', core scuntento,
va' te trova nu nido a Surriento
addó' t'addormono sti manduline,
addó' 'e ciardine danno sciure 'arancio
p''a felicitá.

Pure 'sta vita è nu mare,
pure nu mare è ll'ammore.
Ll'onne só' cupe e só' chiare,
ma 'e ppene d''o core
se pònno scurdá.

Va', core scuntento,
va' te trova nu nido a Surriento
addó' t'addormono sti manduline,
addó' 'e ciardine danno sciure 'arancio
p''a felicitá.

Ah! Nanna, nanna, Surriento!
Doce è 'sta mandulinata.
Sott'a 'sta luna d'argiento,
na coppia scetata,
nun ha da restá.

Va', core scuntento,
va' te trova nu nido a Surriento
addó' t'addormono sti manduline,
addó' 'e ciardine danno sciure 'arancio
p''a felicitá.

Addó' t'addormono sti manduline,
addó' 'e ciardine danno sciure 'arancio
p''a felicitá!

 

Mandolinata a Sorrento,
mandolinata a chi sposa
sotto questa luna d'argento,
che di quest'acqua profumata,
uno specchio vuol fare.

Va, cuore scontento,
va, trovati un nido a Sorrento
dove ti addormentano questi mandolini,
dove i giardini danno fiori d'arancio
per la felicità.

Anche questa vita è nel mare,
anche nel mare c'è l'amore.
Le onde sono scure e sono chiare,
ma le pene del cuore
si possono scordare.

Va, cuore scontento,
va, trovati un nido a Sorrento
dove ti addormentano questi mandolini,
dove i giardini danno fiori d'arancio
per la felicità.

Ah! Dormi, dormi Sorrento!
Dolce è questa mandolinata.
Sotto a questa luna d'argento,
una coppia sveglia,
non deve restare.

Va, cuore scontento,
va, trovati un nido a Sorrento
dove ti addormentano questi mandolini,
dove i giardini danno fiori d'arancio
per la felicità.

Dove ti addormentano questi mandolini,
dove i giardini danno fiori d'arancio
per la felicità!