Musica Italiana

Mamma mia dammi cento lire

( Canta: Coro del Gruppo Folk Italiano )
( Autore: Anonimo 1908 )

La canzone testimonia ancora oggi il dramma dell'emigrazione che ha condotto centinaia di migliaia di nostri connazionali lontano dal suolo natio, alla ricerca di un futuro, di condizioni di vita migliori. Il tema č quello doloroso dell'emigrazione, che troppo spesso ha provocato ferite laceranti, separando famiglie, innamorati, genitori e figli.


Mamma mia dammi 100 lire
che in America voglio andar!
Cento lire io te le do
ma in America no, no, no!
Cento lire io te le do
ma in America no, no, no!

I suoi fratelli alla finestra:
Mamma mia lassela andar!
Vai, vai pure o figlia ingrata
che qualcosa succederā!
Vai, vai pure o figlia ingrata
che qualcosa succederā!

Quando furono in mezzo al mare,
il bastimento si sprofondō!
Pescatore che peschi i pesci,
la mia figlia vai tu a pescar!
Pescatore che peschi i pesci,
la mia figlia vai tu a pescar!

Il mio sangue č rosso e fino,
i pesci del mare lo beveran!
La mia carne č bianca e pura,
la balena la mangerā!
La mia carne č bianca e pura,
la balena la mangerā!

Il consiglio della mia mamma
l'era tutta la veritā,
mentre quello dei miei fratelli
resta quello che m'ha ingannā!
Mentre quello dei miei fratelli
resta quello che m'ha ingannā!

Il consiglio della mia mamma
l'era tutta la veritā,
mentre quello dei miei fratelli
resta quello che m'ha ingannā!
Mentre quello dei miei fratelli
resta quello che m'ha ingannā!

Mentre quello dei miei fratelli
resta quello che m'ha ingannā!
Mentre quello dei miei fratelli
resta quello che m'ha ingannā