Musica Italiana

Luna rossa

( Canta: Claudio Villa )
( Autori: Vian - De Crescenzo - 1950 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Vaco distrattamente abbandunato,
ll'uocchie sott' 'o cappiello annascunnute,
mane 'int' 'a sacca e bvero aizato,
vaco siscanno stelle ca s' asciute.

E 'a luna rossa mme parla 'e te,
i' lle domando si aspietta a me,
e mme risponne: "Si 'o vvu' sap,
cc nun ce sta nisciuna."

E i' chiammo 'o nomme pe' te ved,
ma, tutt''a gente ca parla 'e te,
risponne: "E' tarde che vu' sap?
Cc nun ce sta nisciuna!"

Luna rossa,
chi mme sarr sincera?
Luna rossa,
se n' ghiuta ll'ata sera
senza mme ved.

E i' dico ancora ch'aspietta a me,
for' 'o barcone stanott' ttre,
e prega 'e Sante pe' mme ved.
Ma nun ce sta nisciuna!

Mille e cchi appuntamente aggio tenuto,
tante e cchi sigarette aggio appicciato,
mille tazze 'e caf mme s' bevuto,
mille vucchelle amare aggio vasato.

E 'a luna rossa mme parla 'e te,
I' lle domando si aspietta a me,
e mme risponne: "Si 'o vvu' sap,
cc nun ce sta nisciuna."

Cc nun ce sta nisciuna!


Cammino distrattamente abbandonato,
gli occhi sotto il cappello nascosti,
mani in tasca e bavero alzato,
vado fischiando alle stelle che sono uscite.

E la luna rossa mi parla di te,
io le chiedo se mi aspetti,
e mi risponde: "Se vuoi saperlo,
qui non c' nessuno."

E io chiamo il nome per vederti,
ma, tutta la gente che parla di te,
risponde: "E' tardi cosa vuoi sapere?
Qui non c' nessuno!"

Luna rossa,
chi mi sar sincera?
Luna rossa,
se ne andata l'altra sera
senza vedermi.

E io dico ancora che mi aspetta,
fuori al balcone questa notte alle tre,
e prega i Santi per vedermi.
Ma non c' nessuno!

Mille e pi appuntamenti ho avuto,
tante e pi sigarette ho acceso,
mille tazze di caff ho bevuto,
mille boccucce amare ho baciato.

E la luna rossa mi parla di te,
Io le chiedo se mi aspetti,
e mi risponde: "Se vuoi saperlo,
qui non c' nessuno."

Qui non c' nessuno!