Musica Italiana

Luna Nova

( Canta: Franco Ricci )
( Autori: M. P. Costa - S. Di Giacomo - 1887 )

Ringrazio profondamente il mio amico Pippo per avermi inviato questa vera rarità

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

La luna nova, 'ncopp'a lu mare,
stènne na fascia d'argiento fino.
Dint'a la varca, lu marenaro,
quase s'addorme cu 'a rezza 'nzino

Nun durmí, scétate, oje marená',
vótta 'sta rezza, penza a vucá!
Nun durmí, scétate, oje marená',
vótta 'sta rezza, penza a vucá!

Nun durmí, scétate, oje marená',
vótta 'sta rezza, penza a vucá!

Dorme e suspira stu marenaro,
se sta sunnanno la 'nnammurata.
Zitto e qujeto se sta lu mare,
pure la luna se nc'è 'ncantata.

Luna d'argiento, lass''o sunná,
vásalo 'nfronte, nun 'o scetá!.
Luna d'argiento, lass''o sunná,
vásalo 'nfronte, nun 'o scetá!.

Nun durmí, scétate, oje marená',
vótta 'sta rezza, penza a vucá!

Oh, oh, oh, oh!


La luna nuova, sul mare,
stende una fascia d'argento fine.
Nella barca, il marinaio,
quasi si addormenta con la rete addosso.

Non dormire, svegliati, oh marinaio,
getta questa rete, pensa a vogare!
Non dormire, svegliati, oh marinaio,
getta questa rete, pensa a vogare!

Non dormire, svegliati, oh marinaio,
getta questa rete, pensa a vogare!

Dorme e sospira questo marinaio,
sta sognando l'innamorata.
Zitto e tranquillo è il mare,
pure la luna si è incantata.

Luna d'argento, lascialo sognare,
bacialo in fronte, non lo svegliare!
Luna d'argento, lascialo sognare,
bacialo in fronte, non lo svegliare!

Non dormire, svegliati, oh marinaio,
getta questa rete, pensa a vogare!

Oh, oh, oh, oh!