Musica Italiana

Lucciole vagabonde

( Canta: Aurelio Fierro )
( Autori: Cherubini - C. A. Bixio - 1927 )


Quando più fitta l'oscurità
scende sulla città,
lucciole ansiose di libertà
noi lasciamo i bassifondi.

Senza una meta c'incamminiam
e sotto ad un lampion,
quando la ronda non incontriam,
cantiamo la canzon:

Noi siam come le lucciole,
brilliamo nelle tenebre,
schiave d'un mondo brutal
noi siamo i fiori del mal.

Se il nostro cuor vuol piangere,
noi pur dobbiam sorridere
danzando sui marciapiè
finchè la luna c'è.

Pallida luna soltanto tu
la nostra gioventù
vedi ogni notte appassir di più
come un fiore senza sole.

Ma se il destino ci spezzerà
nel cuore la canzon,
solo il coraggio ci bacerà
all'ombra del bastion.

Noi siam come le lucciole,
brilliamo nelle tenebre,
schiave d'un mondo brutal
noi siamo i fiori del mal.

Se il nostro cuor vuol piangere
noi pur dobbiam sorridere
danzando sui marciapiè
finchè la luna c'è.

Se il nostro cuor vuol piangere
noi pur dobbiam sorridere
danzando sui marciapiè
finchè la luna c'è.