Musica Italiana

La Ghirlandéina

( Canta: Luciano Pavarotti & Corale Rossini )
( Autori: C. Martuzzi - V. Cavazzuti Tenca - F. Saguatti - 1939 )
( Rielaborazione della canzone romagnola "A Gramadora" di C. Martuzzi - A. Spallicci - 1928 )

Ringrazio la gentile Milena Cappi dell'Associazione di Volontariato "Comitato Anziani Crocetta"
di Modena per avermi inviato la traduzione della canzone ed altre informazioni utili.

Il termine "Ghirlandéina" si riferisce alla "Ghirlandina" che è la Torre Campanaria del Duomo di Modena e che è diventata il simbolo della città. Essa deve il suo nome al doppio giro di ringhiere che la adornano come fossero ghirlande. Da sottolineare che il compianto Luciano Pavarotti nacque proprio a Modena, città che ha tanto amato.

Originale in dialetto modenese In italiano corrente

Ghirlandèina, véta mia,
t’è por bèla. Csa t’em piès!
Vè che Tarr! Che maravia!
Ciàpa, to’, ch’at bott un bès!

Cùma t’è bèla, chèra Ghirlandèina,
te pèr un quel d’insàni, una vision!
Bianca, in tla préma lus ed la matèina
te pèr un’urazioun.

Ghirlandèina, véta mia,
t’è por bèla. Csa t’em piès!
Vè che Tarr! Che maravia!
Ciàpa, to’, ch’at bott un bès!

Bianca, slanzèda, cun la punta al zél,
al campanoun ch’al t’fa totta termer.
Guardian piò vigilant e piò fedel
an gh’è dobbi cater.

Ghirlandèina, véta mia,
t’è por bèla. Csa t’em piès!
Vè che Tarr! Che maravia!
Ciàpa, to’, ch’at bott un bès!

Dal bianchi balaostri, pò, che vésta!
La zitè satta, i mont e al mèr luntan,
du fiom lusent, i camp in bèla vésta:
La tèra di Zemiàn.

Ghirlandèina, véta mia,
t’è por bèla. Csa t’em piès!
Vè che Tarr! Che maravia!
Ciàpa, to’, ch’at bott un bès!


Ghirlandina, vita mia,
sei proprio bella. Come mi piaci!
Guarda che Torre! Che meraviglia!
Prendi, su, che ti butto un bacio!

Come sei bella, cara Ghirlandina,
mi sembri un sogno, una visione!
Bianca, nelle prime ore della mattina
sembri una preghiera.

Ghirlandina, vita mia,
sei proprio bella. Come mi piaci!
Guarda che Torre! Che meraviglia!
Prendi, su, che ti butto un bacio!

Bianca, slanciata, con la punta al cielo,
il campanone che ti fa tremare tutta.
Guardiano più vigilante e più fedele
senza dubbio non si trova.

Ghirlandina, vita mia,
sei proprio bella. Come mi piaci!
Guarda che Torre! Che meraviglia!
Prendi, su, che ti butto un bacio!

Dalle bianche balaustre, poi, che vista!
La città sotto, i monti e il mare lontano,
due fiumi lucenti, i campi in bella vista:
La terra di San Geminiano

Ghirlandina, vita mia,
sei proprio bella. Come mi piaci!
Guarda che Torre! Che meraviglia!
Prendi, su, che ti butto un bacio!