Musica Italiana

La canzone dei poveri

( Canta: Gloriana )
( Autori: N. Gallo - R. Mallozzi - 1976 )


La canzone dei poveri
è di tutti quelli che sono nati adulti
perché l'infanzia
costava troppo.


I poveri sono sempre più belli
e chi carezza questa vita acerba
è il sole coi fratelli fili d'erba,
é il sole coi fratelli fili d'erba.

I poveri, con bandiere di braccia,
espatriano, emigranti di mattoni
con solo una bisaccia di canzoni,
con solo una bisaccia di canzoni.

La canzone dei poveri si canta per le strade
implorando il Signore di tenerci per favore,
se anche poveri di tutto,
ma non d'amore.

I poveri hanno un grido alla voce
che sa di pane caldo e di pregare,
ma il grido muore in croce senza altare,
ma il grido muore in croce senza altare. I poveri hanno un grido alla voce
ma il grido muore in croce senza altare,

ma il grido muore in croce senza altare.

I poveri, come allegri parenti,
il vecchio mondo mettono alle sbarre
e fanno parlamenti di chitarre,
e fanno parlamenti di chitarre.