Musica Italiana

La Caccavella

( Canta: Aurelio Fierro )
( Autore: C. Concina - 1950 )
( Conosciuta anche come: "Ho comprato la Caccavella" )

La Caccavella Ŕ un antico strumento musicale napoletano composto da un cilindro di metallo con il fondo chiuso e la parte superiore chiusa da una tela di tamburo. Al centro della tela Ŕ infilato un bastone che il suonatore afferra con il pugno e lo spinge ritmicamente verso il basso e verso l'alto traendone un suono caratteristico e vibrante. Praticamente pu˛ essere paragonato alla "Cuica" brasiliana, anche se quest'ultima possiede caratteristiche differenti.

Originale in mezzo dialetto napoletano In italiano corrente

Ho comprato la caccavella,
ho comprato la caccavella,
la caccavella,
per amore della mia bella,
per amore della mia bella,
della mia bella!

Se la luna mi guarda e balla
con quel viso di pastafrolla,
di pastafrolla,
me ne infischio pure di quella,
canto questa serenatella
alla mia bella.

Dimme, dimme, chi t'ha fatto,
chi ha commesso stu delitto.
Io sˇ' cotto, sˇ' stracotto,
faccio ll'uocchie 'e pesce fritto!

Pure 'a notte, dint''o lietto,
mm'arrevoto, zompo e scatto.
Io pe' te mme comprometto!
Parola d'onor! Parola d'onor!

Sˇngo stato da lu curato,
s˛ngo stato da lu curato,
gli ho confessato
che, per colpa della mia bella,
io mme sfogo cu 'a caccavella!
Cu 'a caccavella!

Mm'ha risposto lu buon curato:
"Tu, fratello, sei rovinato,
tu sei inguajato,
nell'amore ci vuol pazienza,
devi fare la penitenza,
tre giorni senza.....!"

Dimme, dimme, chi t'ha fatto,
chi ha commesso stu delitto.
Io sˇ' cotto, sˇ' stracotto,
faccio ll'uocchie 'e pesce fritto!

Pure 'a notte, dint''o lietto,
mm'arrevoto, zompo e scatto.
Io pe' te mme comprometto!
Parola d'onor! Parola d'onor!

Se tu vuˇ' te dˇngo tutto,
pure 'o core ca sta 'mpietto
io t''o metto dint''o piatto,
Domenicant˛'! Domenicant˛'!

Parola d'onor!
Parola d'onor!
Parola d'onor!


Ho comprato la caccavella,
ho comprato la caccavella,
la caccavella,
per amore della mia bella,
per amore della mia bella,
della mia bella!

Se la luna mi guarda e balla
con quel viso di pastafrolla,
di pastafrolla,
me ne infischio pure di quella,
canto questa serenatella
alla mia bella.

Dimmi, dimmi, chi ti ha generato,
chi ha commesso questo delitto.
Io sono cotto, sono stracotto,
faccio gli occhi di pesce fritto!

Pure di notte, dentro al letto,
mi rivolto, salto e scatto.
Io per te mi comprometto!
Parola d'onore! Parola d'onore!

Sono stato dal curato,
sono stato dal curato,
gli ho confessato
che, per colpa della mia bella,
io mi sfogo con la caccavella!
Con la caccavella!

Mi ha risposto il buon curato:
"Tu, fratello, sei rovinato,
tu sei inguajato,
nell'amore ci vuol pazienza,
devi fare la penitenza,
tre giorni senza.....!"

Dimmi, dimmi, chi ti ha generato,
chi ha commesso questo delitto.
Io sono cotto, sono stracotto,
faccio gli occhi di pesce fritto!

Pure di notte, dentro al letto,
mi rivolto, salto e scatto.
Io per te mi comprometto!
Parola d'onore! Parola d'onore!

Se tu vuoi ti d˛ tutto,
pure il cuore che sta in petto
io te metto dentro un piatto,
Domenica Antonia! Domenica Antonia!

Parola d'onore!
Parola d'onore!
Parola d'onore!