Musica Italiana

Io mammeta e tu

( Canta: Renato Carosone )
( Autori: Pazzaglia - D. Modugno - 1956 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Ti avevo detto dal primo appuntamento,
'e nun purtá nisciuno appriesso a te,
invece mo nu frato,
na sora, na nepote.
Sola nun staje na vota,
ascimmo sempre a tre.
E m'hai promesso:
"Domani chi lo sa,
vengo io soltanto,
soltanto con mammá".

Io, mámmeta e tu,
passeggianno pe' Tuledo,
nuje annanze e mámmeta arreto.
Io, mámmeta e tu.
Sempe appriesso, cose 'e pazze,
chesta vène pure ô viaggio 'e nozze.
Jamm'ô cinema, a abballá,
si cercammo 'e ce 'a squagliá,
comm'a nu carabiniere
chella vène a ce afferrá.

Ah, ah,
ma, 'nnammurato,
só' rassignato,
non reagisco più.
Io, mámmeta e tu.
Io, mámmeta e tu.

Ma San Gennaro mm'aveva fatto 'a grazia,
ll'ata matina nun ll'ha fatta aizá.
Teneva ll'uocchie 'e freve,
pareva ca schiattava,
io quase mi credevo
d'ascí sulo cu te.
Nu filo 'e voce, però,
truvaje mammá:
"Dalla bambina
ve faccio accumpagná".

Io, sòreta e tu.
Jamm'ô bar ô Chiatamone.
"Vuó' 'o cuppetto o vuó' 'o spumone?"
"Chello ca costa 'e cchiù"
Pe' ricordo 'e 'sta jurnata,
dint''a villa, ce hanno fatt''a foto.
Vò' 'o pallone, vò' 'o babbá,
nun se fida 'e cammená.
Guardo a essa e guardo 'o mare,
stó' penzanno 'e ce 'a mená.

Ah, ah,
tu mm'hê 'nguajato,
mme sposo a n'ata,
nun ve vedo cchiù,
mámmeta, sòreta e tu.
Mámmeta, sòreta e tu.

Jamm'ô cinema, a abballá,
si cercammo 'e ce 'a squagliá,
comm'a nu carabiniere
chella vène a ce afferrá.
Ah, ah,
ma, 'nnammurato,
só' rassignato,
non regisco più.
Io, mámmeta e tu,
páteto, fráteto e tu,
mámmeta, sóreta e tu.

Páteto, mámmeta,
sóreta, fráteto,
sóreta, fráteto,
zíeta, nonneta,
zieta, nónneta,
fráteto, sóreta,
fráteto, mámmeta,
fráteto, sóreta,
fráteto, mámmeta e tu.

Jatevenne!
Jatevenne!


Ti avevo detto dal primo appuntamento,
di non portare nessuno con te,
invece adesso un fratello,
una sorella, una nipote.
Sola non sei né una volta,
usciamo sempre in tre.
E mi hai promesso:
"Domani chi lo sa,
vengo io soltanto,
soltanto con la mamma".

Io, tua madre e tu,
passeggiando per Toledo,
noi davanti e tua madre dietro.
Io, tua madre e tu.
Sempre dietro, cose da pazzi,
questa viene pure al viaggio di nozze.
Andiamo al cinema, a ballare,
se cerchiamo di squagliarcela,
come un carabiniere
quella viene ad afferrarci.

Ah, ah,
ma, innamorato,
sono rassegnato,
non reagisco più.
Io, tua madre e tu.
Io, tua madre e tu.

Ma San Gennaro mi aveva fatto una grazia,
l'altra mattina non l'ha fatta alzare.
Aveva gli occhi di febbre,
pareva che si rompesse,
io quasi credevo
di uscire solo con te.
Un filo di voce, però,
trovò tua madre:
"Dalla bambina
vi faccio accompagnare".

Io, tua sorella e tu.
Andiamo al bar Chiatamone.
"Vuoi la coppetta o vuoi lo spumone?"
"Quello che costa di più"
Come ricordo di questa giornata,
nel rione ci hanno fatto una foto.
Vuole il pallone, vuole il babbá,
non ha voglia di camminare.
La guardo e guardo il mare,
sto pensando di buttarcela.

Ah, ah,
tu mi hai inguaiato,
mi sposo un'altra,
non vi vedo più,
tua madre, tua sorella e tu.
Tua madre, tua sorella e tu.

Andiamo al cinema, a ballare,
se cerchiamo di squagliarcela,
come un carabiniere
quella viene ad afferrarci.
Ah, ah,
ma, innamorato,
sono rassegnato,
non reagisco più.
Io, tua madre e tu,
tuo padre, tuo fratello e tu,
tua madre, tua sorella e tu.

Tuo padre, tua madre,
tua sorella, tuo fratello,
tua sorella, tuo fratello,
tua zia, tua nonna,
tua zia, tua nonna,
tuo fratello, tua sorella,
tuo fratello, tua madre,
tuo fratello, tua sorella,
tuo fratello, tua madre e tu.

Andatevene!
Andatevene!