Musica Italiana

I due Gemelli

( Canta: Roberto Murolo )
( Autori: G. Pisano - G. Cioffi - 1937 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Tu si' nata pe’ te mmaretá,
pecché si' femmena.
Io só' nato pe' mme spusá a te,
pecché só' másculo.
E mme ll'hê 'a fá passá chistu gulío,
io mme piglio a te,
tu te piglie a me,
tesoro mio.

Io benedico a mámmeta
ca se spusaje a páteto
e te facette nascere
pe' fá felice a me.
E voglio duje gemelle,
belle, belle, belle, belle,
'o maschio e 'a femmenella,
belle, belle, belle, belle,
'a nennélla tale e quale a te,
'o nennillo tale e quale a me.

Na figlióla bella comm'a te,
nun po' chiu' nascere,
'mmiez'a tutt''e bbelle saje che si'?
'A meglia 'e Napule!
Perciò famme passá 'sta pecundría,
jammo, dice si',
nun mme fá murí,
sciascióna mia.

Io benedico a mámmeta,
ca se spusaje a páteto,
e te facette nascere
pe' fá felice a me.
E voglio duje gemelle,
belle, belle, belle, belle,
'o maschio e 'a femmenella,
belle, belle, belle, belle,
'a nennélla tale e quale a te,
'o nennillo tale e quale a me.

Chisto t''o ddicevo 'n'anno fa,
mo si' muglierema
e si' nata pe' mme fá schiattá,
'nfamóna 'e femmena.
Ma si mme piglia 'ncapa 'a pazzaría,
io te ciacco a te,
o tu ciacche a me,
parola mia.

Io strafucasse a mámmeta
ca se spusaje a páteto
e te facette nascere
pe' fà infelice a me.
Mm'hê fatto duje gemelle
belle, belle, belle, belle,
'o maschio e 'a femmenella,
belle, belle, belle, belle,
'o guaglione brutto como acchè,
'a guagliona chiu'carogna e te!

Ma comme, io dico, páteto
se va a 'ncuntrá cu mammeta,
se sposano e cumbinano
stu ddiece 'e guajo a me!
Mm'hê fatto duje gemelle
belle, belle, belle, belle,
'o maschio e 'a femmenella,
belle, belle, belle, belle,
'o guaglione brutto como acchè,
'a guagliona chiu'carogna e te!


Tu sei nata per maritarti,
perchè sei femmina.
Io sono nato per sposarti,
perchè sono maschio.
E me la devi far passare questa voglia,
io prendo te,
tu prendi me,
tesoro mio.

Io benedico tua madre
che ha sposato tuo padre
e ti ha fatto nascere
per farmi felice.
E voglio due gemelli,
belli, belli, belli, belli,
un maschio e una femminuccia,
belli, belli, belli, belli,
la bimba tale e quale a te,
il bimbo tale e quale a me.

Una figliola bella come te
non può più nascere,
tra tutte le belle, sai che sei?
La migliore di Napoli!
Perciò fammi passare questa voglia,
dai, dimmi di sì,
non farmi morire,
tesoro mio.

Io benedico tua madre
che ha sposato tuo padre
e ti ha fatto nascere
per farmi felice.
E voglio due gemelli,
belli, belli, belli, belli,
un maschio e una femminuccia,
belli, belli, belli, belli,
la bimba tale e quale a te,
il bimbo tale e quale a me.

Questo te lo dicevo un anno fa,
ora sei mia moglie
e sei nata per farmi scoppiare,
infame di una femmina.
Ma se mi assale in testa la pazzia
io ti acciacco,
o tu mi acciacchi,
parola mia.

Io strozzerei tua madre
che sposò tuo padre
e ti fece nascere
per rendermi infelice.
Mi hai fatto due gemelli
belli, belli, belli, belli,
un maschio e una femminuccia,
belli, belli, belli, belli,
il ragazzo, brutto come chissà cosa,
la ragazza, più carogna di te!

Ma come, io dico, tuo padre
va ad incontrare tua madre,
si sposano e combinano
questo grande guaio a me!
Mi hai fatto due gemelli
belli, belli, belli, belli,
un maschio e una femminuccia,
belli, belli, belli, belli,
il ragazzo, brutto come chissà cosa,
la ragazza, più carogna di te!