Musica Italiana

Ideale

( Canta: Luciano Pavarotti )
( Autori: F.P. Tosti - C. Errico - 1882 )

L'Immortale Poeta "Gabriele D'Annunzio" definý questa Romanza di Francesco Paolo Tosti "Un sospiro di melodia"


Io ti seguii com'iride di pace
lungo le vie del cielo.
Io ti seguii come un'amica face
della notte nel velo.

E ti sentii nella luce, nell'aria,
nel profumo dei fiori,
e fu piena, la stanza solitaria,
di te, dei tuoi splendori.

In te rapito, al suon della tua voce,
lungamente sognai,
e della terra, ogni affanno, ogni croce,
in quel giorno scordai.

Torna, caro ideal,
torna un istante a sorridermi ancora
e in me risplenderÓ, nel tuo sembiante,
una novella aurora, una novella aurora.

In te rapito, al suon della tua voce,
lungamente sognai,
e della terra, ogni affanno, ogni croce,
in quel giorno scordai.

Torna, caro ideal,
torna un istante a sorridermi ancora
e in me risplenderÓ, nel tuo sembiante,
una novella aurora, una novella aurora.

Torna, caro ideal!
Torna, torna