Musica Italiana

Guaglione

( Canta: Renato Carosone )
( Autori: Nisa - Fanciulli - 1956 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Staje sempe ccá, 'mpuntato ccá,
'mmiez'a 'sta via,
nun mange cchiù, nun duorme cchiù,
che pecundría!

Ué piccerí che vène a dí 'sta gelusia?
Tu vuó suffrí,
tu vuó murí,
chi t''o ffá fá.

Curre 'mbraccio addu mammá,
nun fá 'o scemo piccerí.
Dille tutt''a veritá
ca mammá te pò capí.

E passe e spasse sott'a stu balcone
ma tu si' guaglione.
Tu nun canusce 'e ffemmene,
si' ancora accussí giovane!

Tu si guaglione. Che t'hê miso 'ncapa?
Va' a ghiucá 'o pallone.
Che vònno dí sti llacreme?
Vatté, nun mme fá ridere.

Curre 'mbraccio addu mammá,
nun fá 'o scemo piccerí.
Dille tutta 'a veritá
ca mammá te pò capí.

E passe e spasse sott'a stu balcone,
ma tu si' guaglione.
Tu nun canusce 'e ffemmene,
si' ancora accussí giovane!

Tu si guaglione. Che t'hê miso 'ncapa?
Va' a ghiucá 'o pallone.
Che vònno dí sti llacreme?
Vatté, nun mme fá ridere.

Curre 'mbraccio addu mammá,
nun fá 'o scemo piccerí.
Dille tutt''a veritá
ca mammá te pò capí.


Stai sempre qui, piazzato qui,
in mezzo a questa via,
non mangi più, non dormi più,
che tristezza!

Ragazzo mio che vuol dire questa gelosia?
Tu vuoi soffireí,
tu vuoi morireí,
chi te lo fa fare.

Corri tra le braccia di tua madre,
nun fare lo scemo ragazzo mio.
Dille tutta la veritá
perché tua madre ti può capire.

E passi e ripassi sotto a questo balcone,
ma tu sei un ragazzo.
Tu non conosci le donne,
sei ancora così giovane!

Tu sei ragazzo. Cosa ti sei messo in testa?
Vai a giocare a pallone.
Che significano queste lacrime?
Ma vai via, non farmi ridere.

Corri tra le braccia di tua madre,
nun fare lo scemo ragazzo mio.
Dille tutta la veritá
perché tua madre ti può capire.

E passi e ripassi sotto a questo balcone,
ma tu sei un ragazzo.
Tu non conosci le donne,
sei ancora così giovane!

Tu sei ragazzo. Cosa ti sei messo in testa?
Vai a giocare a pallone.
Che significano queste lacrime?
Ma vai via, non farmi ridere.

Corri tra le braccia di tua madre,
nun fare lo scemo ragazzo mio.
Dille tutta la veritá
perché tua madre ti può capire.