Musica Italiana

Gira e fai la rota

( Canta: Claudio Villa )
( Autori: C. Innocenzi - M. Rivi - 1947 )

Originale in dialetto romanesco In italiano corrente

Gira, gira e fai la rota
e nun falla mai ferma'.

Quando ar mattino Roma s'e' svejata
pare 'n pavone quando fa la rota,
sembra na pennellata fatta d'arcobaleno,
pure si piove, pare ch'e' sereno.

Gira, gira e fai la rota
nun te devi mai stanca',
gira, gira e fai la rota
e nun falla mai ferma'.

Te vojo bene e ancora nun lo sai,
ma guarda bene dentro all'occhi miji,
così ce leggerai 'na lettera d'amore
che ho scritto e sigillata 'n fonno ar core.

Gira, gira e fai la rota
nun te devi mai stanca',
gira, gira e fai la rota
e nun falla mai ferma'.

Io c'ho 'n'amore que nun ha mai fine,
nun e' geloso e nun me da' le pene,
c'ha tere e c'ha coline, e' ricco de tesori
è Roma mia, er più grande dell'amori.

Gira, gira e fai la rota
nun te devi mai stanca',
gira, gira e fai la rota
e nun falla mai fermare!


Gira, gira e fai la ruota
e non farla mai fermare.

Quando al mattino Roma si è svegliata
sembra un pavone quando fa la ruota,
sembra una pennellata fatta di arcobaleno,
anche se piove, sembra che è sereno.

Gira, gira e fai la ruota
non ti devi mai stancare,
gira, gira e fai la ruota
e non farla mai fermare.

Ti voglio bene e ancora non lo sai,
ma guarda bene dentro agli occhi miei,
così ci leggerai una lettera d'amore
che ho scritto e sigillato in fondo al cuore.

Gira, gira e fai la ruota
non ti devi mai stancare,
gira, gira e fai la ruota
e non farla mai fermare.

Io ho un amore che non ha mai fine,
non è geloso e non mi dà mai pene,
possiede terre e colline, è ricco di tesori
è Roma mia, il più grande degli amori.

Gira, gira e fai la ruota
non ti devi mai stancare,
gira, gira e fai la ruota
e non farla mai fermare!