Musica Italiana

Frida

( Canta: Fred Bongusto )
( Autore:  Fred Bongusto - 1962 )

Ringrazio profondamente il mio caro amico Giovanni per avermi inviato questa bella canzone

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

'O viento ca' ttira 'stanotte
me porta na voce,
na voce che dice: nun pozzo,
nun pozzo durmi'.
Sarrà n'ammore perduto, ohinè,
io te posso capi'.

Frida, t'aggio voluto bbene,
ma doppo tanto bbene
te si scurdate e me.
Frida, bastava na parola
dinta 'sta vocca toia
pe mme fa' cunsulà.

Chiagnarraie pe' mme
lacrime amare.
Pagarraie accussì
o male ca mme faie,
tutt'e pene ca ma daie,
tutt'e pene ca ma daie.

Frida t'aggio voluto bbene
ma doppo tanto bbene
te si scurdate e me.

Chiagnarraie pe' mme
lacrime amare.
Pagarraie accussi
o male ca mme faie,
tutt'e pene ca ma daie,
tutt'e pene ca ma daie.

Frida, t'aggio voluto bbene,
ma doppo tanto bbene
te si scurdate e me.
Te si scurdata e me!

Frida!


Il vento che soffia questa notte
mi porta una voce,
una voce che dice: non posso,
non posso dormire.
Sarà un amore perduto, poverino,
io ti posso capire.

Frida, ti ho voluto bene,
ma dopo tanto bene
ti sei dimenticata di me.
Frida, bastava una parola
da questa bocca tua
per farmi consolare.

Piangerai per me
lacrime amare.
Pagherai così
il male che mi fai,
tutte le pene che mi dai,
tutte le pene che mi dai.

Frida, ti ho voluto bene,
ma dopo tanto bene
ti sei dimenticata di me.

Piangerai per me
lacrime amare.
Pagherai così
il male che mi fai,
tutte le pene che mi dai,
tutte le pene che mi dai.

Frida, ti ho voluto bene,
ma dopo tanto bene
ti sei dimenticata di me.
Ti sei dimenticata di me!

Frida!