Musica Italiana

Fiori Trasteverini

( Canta: Antonio Romano )
( Autore: Romolo Balzani - 1974 )

Originale in dialetto romanesco In italiano corrente

De li giardini semo li mughetti,
semo romani e'n più trasteverini,
no pe' vantasse, semo li più perfetti,
cantamo tutti e semo ballerini.

Se dice "Gente allegra Dio l'aiuta",
noi semo allegri e voi sapè perchè?
Ogni tanto na magnata e na bevuta
e tutto quanto er resto viè da sè.

Semo li fiori trasteverini,
semo signori senza quatrini,
er core nostro è na capanna,
core sincero che nun te inganna.

Se stai in bolletta, noi t'aiutamo,
però da micchi nun ce passamo.
Noi semo mangnatori de spaghetti,
delle trasteverine li galletti.

Se dice "Nun è Roma de 'na vorta",
me dicheno che so' tutti forestieri,
lasceli chiacchera', che ce ne importa,
Roma ritornerà quella de ieri.

Venendo tutti a Roma, pe' noi è 'n vanto,
se la madre e er padre se faranno anziani,
li figli fioriranno come incanto,
nascenno a Roma, nascheno romani!

Le milanesi, con le toscane,
se 'mpareranno a parlà romano
e se diranno "Vie' giù Marietta"
p'annasse a beve 'n'antra foglietta.

La veneziana, ch’è fumantina,
la chiameremo cor nome Nina,
e le baresi e le napoletane,
lassatele passà che so' romane!

Roma bella, Roma mia,
te se vonno portà via,
er Colosseo co' Sampietro
già lo stanno a contrattà.

Qui se vonno venne tutto,
cielo, sole e st'aria fresca,
ma la fava romanesca
gliela potemo arigalà.

Venite tutti a Roma, v'aspettamo,
se dice che più semo e meglio stamo!


Dei giardini siamo i mughetti,
siamo romani ed in più trasteverini,
non per vantarsi, siamo i più perfetti,
cantiamo tutti e siamo ballerini.

Si dice "Gente allegra Dio l'aiuta",
noi siamo allegri e vuoi sapere perchè?
Ogni tanto una mangiata e una bevuta
e tutto quanto il resto viene da sè.

Siamo i fiori trasteverini,
siamo signori senza quattrini,
il cuore nostro é una capanna,
cuore sincero che non ti inganna.

Se sei in bolletta, noi ti aiutamo,
però da fessi non ci passiamo.
Noi siamo mangiatori di spaghetti,
delle trasteverine i galletti.

Si dice "Non é Roma di una volta",
mi dicono che sono tutti forestieri,
lasciateli chiaccherare, che ce ne importa,
Roma ritornerà quella di ieri.

Venendo tutti a Roma, per noi è un vanto,
se la madre e il padre si faranno anziani,
i figli fioriranno come incanto,
nascendo a Roma, nascono romani!

Le milanesi, con le toscane,
impareranno a parlare romano
e si diranno "Vieni giù Marietta"
per andarsi a bere un altro bicchiere di vino.

La veneziana, che è fumante,
la chiameremo col nome Nina,
e le baresi e le napoletane,
lasciatele passare che sono romane!

Roma bella, Roma mia,
ti vogliono portare via,
il Colosseo con San Pietro
già lo stanno contrattando.

Quì si vogliono vendere tutto,
cielo, sole e quest'aria fresca,
ma la fava romanesca
gliela possiamo regalare.

Venite tutti a Roma, vi aspettiamo,
si dice che più siamo e meglio stiamo!