Musica Italiana

Fenesta vascia

( Canta: Roberto Murolo )
( Autori: G. L. Cottrau - G. Genoino - 1854 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Fenesta vascia 'e padrona crudele,
quanta suspire mm'haje fatto jettare.
Mm'arde sto core, comm'a na cannela,
bella, quanno te sento annommenare.

Oje, piglia la 'sperienza de la neve,
la neve fredda e se fa maniare,
e tu comme si' tanta aspra e crudele,
muorto mme vide e nun mme vu' ajutare.

Vorra addeventare no picciuotto,
co na langella a ghire vennenn'acqua,
pe' mme ne j da chisti palazzuotte.
Belli ffemmene meje, ah, chi v' acqua?

Se vota na nennella de ll 'ncoppa:
Chi 'sto ninno ca va vennenn'acqua?
E io responno, co' parole accorte:
S' lacreme d'ammore e non acqua!


Finestra bassa di padrona crudele,
quanti sospiri mi hai fatto tirare.
Mi arde il cuore, come una candela,
bella, quando ti sento nominare.

Vedi, prendi l'esperienza della neve,
la neve fredda e fa fregare le mani,
e tu che sei tanto aspra e crudele,
mi vedi morto e non mi vuoi aiutare.

Vorrei diventare un bambino
con un recipiente andando a vendere acqua,
per andarmene via da questi palazzotti.
Belle donne mie, ah, chi vuole acqua?

Si gira una ragazza da l sopra:
Chi questo ragazzo che va vendendo acqua?
E io rispondo, con parole accorte:
Sono lacrime d'amore e non acqua!