Musica Italiana

Faceva il "palo"

( Canta: Nanni Svampa )
( Autori: W. Valdi - E. Jannacci - 1966 )
( Gustosa satira sulla malavita milanese )

Originale in dialetto milanese In italiano corrente

Faceva il "palo" nella banda dell'Ortiga,
a l'era sguerc, el ghe vedeva quasi p,
e l' st insc che i hann ciap senza fadiga,
i hann ciap tutt, ma prpi tutt, foeura che l.

Era l, fisso, che scrutava nella notte
quand gh' pass prpi davanti a l un pul,
insem a un ghisa, tri carraba e un metronotte,
gnanca una piega l l'ha f, gnanca un pliss.

Faceva il "palo"  nella banda dell'Ortiga,
faceva il "palo" perch l'era el s mest.

Istess, precis compagn de "quei de la Mascherpa",
hinn rest l, i s amis, in tel ved i pul
han dit: Ma come, bruta loeugia vaca porca,
ma il noster "palo", stu pistola, in d a l'?

Era l, fisso, che scrutava nella notte,
ha vist na gota ma, in compens, l'ha sent nient,
perch a vederci non vedeva un'autobotte
per a sentirci ghe sentiva un accident.

Faceva il "palo"  nella banda dell'Ortiga,
faceva il "palo" con passione e sentiment.

Ci sono stati pugni, spari, grida e botte,
i han men via che l'era gi quasi mezzd.
Lui sempre fisso, l a scrutare nella notte,
el ghe vedeva istess de ntt come del d.

Ancora adess l' l che scruta nella via,
la gent le ved, ghe d un cent lira e poeu la va.
Lui, circospetto, el guarda in giro poeu i a mett via
e poeu el borbotta, perch ormai l' un po' incass.

A l' incass con tutt la banda dell'Ortiga
perch lu 'l dis que se fa minga insc a rub.

El dis: Ma come, a mi me lascian qui di foera
e lor, le s el Senhor quand l' che vegnen su,
e poeu il bottino me lo porten su a cent lira,
un toc per volta, a f insc finissum p.

Eh no, quest ch l' prpi un laur de chula,
mi sunt un "palo", mica um "pipa", e ghe sto p.
Mi vegni foeura da sta banda de pistola.
Int una banda insc scassada, cousa fou.

Mi vegni foeura della banda dell'Ortiga,
mi metto in proprio,
insc almen ghe pensi p!


Faceva il "palo" nella banda dell'Ortiga,
era cieco, non ci vedeva quasi pi,
ed stato per questo che li hanno presi senza fatica,
li hanno presi tutti, ma proprio tutti, tranne lui.

Era l, fermo, che scrutava nella notte
quando passato proprio davanti a lui un poliziotto
assieme a un vigile, tre carabinieri e un metronotte,
lui non ha fatto neanche una piega, neanche una grinza.

Faceva il "palo" nella banda dell'Ortiga,
faceva il "palo" perch era il suo mestiere.

Cos, meravigliati come "quelli della Mascherpa,
sono rimasti, i suoi amici, quando hanno visto i poliziotti
e hanno detto: Ma come, brutta vecchia vacca porca,
ma il nostro "palo", quel fessacchiotto, dov'?

Era l, fermo, che scrutava nella notte,
non ha visto niente, ma in compenso non ha sentito niente,
perch quanto a vederci non vedeva un'autobotte
per quanto a sentire non sentiva un accidente.

Faceva il "palo" nella banda dell'Ortiga,
faceva il "palo" con passione e sentimento.

Ci sono stati pugni, spari, grida e botte,
li hanno portati via che era gi quasi mezzogiorno.
Lui sempre fermo l a scrutare nella notte,
vedeva le stesse cose sia di notte che di giorno.

Ancora adesso lui l che scruta nella strada,
la gente lo vede, gli d cento lire e poi prosegue.
Lui, circospetto, si guarda attorno poi le mette in tasca,
e poi borbotta, perch ormai un p arrabbiato.

arrabbiato con tutta la banda dell'Ortiga
perch lui dice che non si fa mica cos a rubare.

Lui dice: Ma come, mi lasciano qu fuori
e loro, lo sa il Signore quando appaiono,
e poi il bottino me lo portano su a cento lire,
un p per volta, a fare cos non si finisce pi.

Eh no, questo qu e proprio un lavorare da incompetenti,
io sono un "palo", mica um "nonnulla", e non ci sto pi.
Io esco da questa banda di squalificati.
In una banda cos scassata cosa ci faccio?

Io esco dalla banda dell'Ortiga,
mi metto in proprio,
cos almeno non ci penso pi!