Musica Italiana

Che mm' e' diciste a fa'

( Canta: Fausto Cigliano )
( Autore: Antonio de Curtis - 1956 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Io campavo, ero felice
senza ammore e senza 'e te.
Mo ce vo, comme se dice,
"Me sentevo cchiù 'e nu rre".

Ma na sera te 'ncuntraie
mentre ascevo 'a nu cafè
e, guardannete, penzaie,
"Sta bellezza è per un rre".

Che mm' e' diciste a fa'
"Te voglio bene".
Che mm' e' 'mparaste a fa'
che d' è l'ammore.

Pecchè mettiste 'o ffuoco
int' a sti vvene.
Pecchè tu me 'mparaste
a suspirà.

E mo ca 'e te me songo
'nnammurato,
ammore mio, pecchè
me vuò lassà.

'0 saccio, vai dicenno
"Aggio pazziato,
è stato nu capriccio,
ca passarrà".

Che mm' e' diciste a fa'
"Te voglio bene"
si chistu bene
è n'infelicità.

Che mm' e' diciste a fa'
"Te voglio bene"
si chistu bene
è n'infelicità!

 

Io campavo, ero felice
senza amore e senza di te.
Ora ci vuole, come si dice,
"Mi sentivo più di un re".

Ma una sera ti ho incontrata
mentre uscivo da un caffè
e, guardandoti, ho pensato,
"Questa bellezza è per un re".

Perchè mi hai detto
"Ti voglio bene".
Perchè mi hai insegnato
cos'è l'amore.

Perché hai messo il fuoco
dentro queste vene.
Perchè tu mi hai imparato
a sospirare.

Ed ora che mi sono
innamorato,
amore mio, perchè
mi vuoi lasciare.

Lo so, vai dicendo
"Sono ammattita,
è stato un capriccio,
che passerà".

Perchè mi hai detto
"Ti voglio bene"
se questo bene
è una infelicità.

Perchè mi hai detto
"Ti voglio bene"
se questo bene
è una infelicità!