Musica Italiana

Casetta de Trastevere

( Canta: Claudio Villa )
( Autori: A. Del Pelo - De Torres - Simeoni - 1937 )
( Conosciuta anche con il titolo di: Casa mia )

Originale in dialetto romanesco

No, nun è niente,
è 'mpo' de carcinaccio,
aspettate,
me tiro 'mpo' più 'n quà.

Me metto bono bono,
che ve faccio,
sfasciate puro
ch'io ve sto a guardà.

E sotto a quer piccone
traditore,
come quer muro
me se sfascia er core.

Casetta de Trastevere,
casa de mamma mia,
tu me te porti via
la vita appress'a te.

Tutti li sogni cascheno,
mattone pe' mattone,
e 'n mezzo ar porverone
già non te vedo più.

Fa' piano murato'
co' quer piccone.
Nun lo vedi?
C'è mamma ancora lì!

Appiccicato proprio
a quer cantone
ce stava er letto
in dove ce morì.

E c'è rimasta.
Piano co' le pale,
nun lo vedete
che je fate male?

Casetta de Trastevere,
casa de mamma mia,
pare che er monno stia
cascanno appress'a te.

Tutti li sogni cascheno,
mattone pe' mattone,
e 'n mezzo ar porverone
io nun ce vedo più.

Fa' piano murato'
co' quer piccone.
Nun lo vedi?
C'è mamma ancora lì