Musica Italiana

Canta pe' mme

( Canta: Il Tenore Enrico Caruso )
( Autori: L. Bovio - E. De Curtis - 1918 )

Ringrazio il Professor Antonio Lourenço Tomazetti per avermi inviato questa bella canzone

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Canta pe' mme, stanotte, na canzone,
tu ca si' bella e tiene 'a voce d'oro.
Canta pe' mme, stanotte, pecchè si moro,
moro sentenno na bella canzone.

Canta na serenata 'e marenare
ch''a tantu tiempo nun se canta cchiù.
Mare! Stanotte, quanta varche a mare!
Ma tu nun cante? Ma a che pienze tu?

Pecché tu chiagne si 'a nuttata è bella,
e si' figliola, e tiene 'a voce d'oro?
Canta pe' mme, pe' mme ca' mme ne moro,
moro sentenno na canzone bella.

Canta, luntana mia, ca' si' turnata,
ca' si' turnata e nun te ne puó' ghí.
Canta, pecché te tengo 'ncatenata,
pecché tu sola mm'hê 'a vedé murí!


Canta per me, stanotte, una canzone,
tu che sei bella e hai una voce d'oro.
Canta per me, stanotte, perchè se muio,
muoio sentendo una bella canzone.

Canta una serenata di marinai
che da tanto tempo non si canta più.
Mare! Stanotte, quante barche a mare!
Ma tu non canti? Ma a che pensi tu?

Perchè tu piangi se la nottata è bella,
e sei figliola, e hai una voce d'oro?
Canta per me, per me che muoio,
muoio sentendo una bella canzone.

Canta, lontana mia, che sei tornata,
che sei tornata e non puoi andartene.
Canta, perchè ti tengo incatenata,
perchè tu sola mi devi vedere morire!